Cronaca
Pirata della strada

Investe una donna e si dà alla fuga, rinvenuto un pezzo del fanale del pirata

La 56enne senza fissa dimora è fuori pericolo

Investe una donna e si dà alla fuga, rinvenuto un pezzo del fanale del pirata
Cronaca Brescia, 12 Gennaio 2023 ore 09:18

Investe una donna in piena notte e poi si dà alla fuga, la verità sulla sua identità potrebbe celarsi in un pezzo di fanale.

Investe una donna in piena notte e poi si dà alla fuga

Un drammatico incidente quello accaduto nella notte tra sabato 7 e domenica 8 gennaio 2023in via XX Settembre a Brescia. Secondo quanto riferito dalla donna rimasta coinvolta nell'incidente un'auto l'avrebbe investita per poi fuggire. La donna è stata trovata successivamente con il bacino fratturato in più punti e vari ematomi completamente sola in mezzo alla strada e senza nessun documento. Ad intervenire sul posto i medici dell'Areu (Agenzia regionale Emergenza Urgenza) ai quali la donna, poco prima di svenire, è riuscita a raccontare quanto accaduto.

Sulle tracce del pirata della strada

Si tratta di una donna rumena di 56 anni e senza fissa dimora a Brescia da qualche anno, da domenica si trova ricoverata agli Spedali Civili di Brescia. La buona notizia è che non è in pericolo di vita, prevista per lei una prognosi di trenta giorni salvo complicazioni. La Polizia Locale, chiamata ad effettuare gli opportuni rilievi del caso, si è messa subito in azione per cercare il pirata della strada. Secondo le tracce lasciate sul copro della donna l'auto che  l'ha investita non sarebbe né un suv né un'utilitaria. Fondamentali, da questo punto di vista, le immagini fornite dalle telecamere della videosorveglianza. Non si tratta però di un'operazione semplice anche perché gli agenti non possono contare sulla presenza di testimoni oculari.

Il futuro della donna

Resta inoltre da capire cosa ne sarà della donna una volta dimessa: la 56enne viveva infatti sotto le pensiline degli autobus tra piazzale Zanardelli, via XX Settembre e via Vittorio Emanuele II. Il fatto di non avere un tetto sotto il quale vivere rende difficile pensare a come possa affrontare la convalescenza

 

 

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie