Garda

Investe una donna e scappa per non fare tardi al lavoro

Gli agenti della Polizia locale di Desenzano sono riusciti ad individuare e denunciare il 21enne alla guida dell'auto

Investe una donna e scappa per non fare tardi al lavoro
Garda, 26 Agosto 2020 ore 16:40

Investe una donna e scappa per non fare tardi al lavoro.

Desenzano

E’ successo lunedì mattina a Desenzano durante i controlli del territorio da parte della Poliza locale. Gli agenti hanno identificato e denunciato un giovane che, dopo aver investito alla guida della propria moto un pedone, si era dato alla fuga. L’incidente è avvenuto alla rotonda di Via Cavour e Via Marconi: una signora ottantenne che stava attraversando la strada sulle strisce pedonali è stata urtata da una moto in fase di sorpasso delle autovetture ferme. Dopo l’urto il conducente, un giovane del 1999, si è allontanato senza fermarsi. La donna è stata subito soccorsa dai passanti e dopo aver ricevuto le prime cure sul posto, è stata trasportata in codice rosso all’Ospedale di Desenzano e poi trasferita alla Poliambulanza di Brescia con prognosi riservata. Fortunatamente grazie alle testimonianze dei presenti, all’utilizzo della telecamera e al controllo del sistema di tracciamento delle targhe, la Polizia Locale è riuscita in breve tempo ad identificare il conducente che nel frattempo aveva raggiunto il proprio posto di lavoro a Sirmione. Il ragazzo, fermato con la collaborazione dei colleghi di Sirmione, è stato quindi accompagnato al Comando di Desenzano e denunciato a piede libero per lesioni personali con violazione al Codice della Strada aggravate dalla fuga e dall’omissione di soccorso. Il mezzo è stato sequestrato e la patente di guida del soggetto ritirata per una successiva sospensione. Il ragazzo ha cercato di giustificare il proprio inqualificabile comportamento con la fretta di raggiungere il posto di lavoro.

Guida in stato di ebbrezza

Martedì pomeriggio invece una pattuglia della Locale di Desenzano, nel corso di controlli finalizzati alla repressione degli eccessi di velocità con utilizzo di telelaser, aveva intimato l’alt ad uno scooter che procedeva a 94 km/h su una via in centro abitato con il limite di 50 km/h. Dopo il fermo, agli agenti sono venuti ragionevoli dubbi sulla lucidità del conducente il quale, una volta sottoposto a controllo con etilometro, aveva infatti registrato un tasso alcolemico pari a 1.59, più del triplo del consentito. Nei confronti del conducente gli agenti hanno dunque redatto gli atti di contestazione, illecito amministrativo con ritiro della patente per la velocità, denuncia penale e sequestro del mezzo per l’abuso di alcool. Per recuperare l’improvvido guidatore (sirmionese classe 1972) ormai appiedato, si è presentata una amica che ha avuto l’idea di offrire 1000 euro agli agenti “affinchè chiudessero un occhio” nei confronti dell’uomo in contravvenzione: immediata è scattata anche per lei la denuncia a piede libero per induzione alla corruzione.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia