Cronaca
Brutta vicenda

Incidente mortale nella notte di Natale, sottoposto a fermo il presunto pirata della strada

L'uomo è stato poi condotto in caserma

Incidente mortale nella notte di Natale, sottoposto a fermo il presunto pirata della strada
Cronaca Alto Mantovano, 30 Dicembre 2022 ore 09:55

Incidente mortale nella notte di Natale, rintracciato e sottoposto a fermo il presunto pirata della strada.

Incidente mortale nella notte di Natale

Nella giornata di ieri, giovedì 29 dicembre 2022, i Carabinieri della Compagnia di Viadana (nel Mantovano) hanno proceduto alla notifica del fermo del PM nei confronti di un soggetto gravemente indiziato di essere l’uomo che alla guida dalla sua autovettura nella notte della vigilia di Natale, a Viadana, ha investito ed ucciso il giovane Andrea Lodi Rizzini. La serrata attività investigativa portata avanti dai Carabinieri di Viadana, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Mantova, ha dato vita ad un’intensa e capillare attività di ricerca e di controllo dei sistemi di videosorveglianza presenti sul territorio portando i militari, nella mattinata di ieri, a rintracciare sul territorio viadanese un’autovettura BMW Serie 1 di colore bianco con targa svizzera con segni compatibili all’investimento avvenuto la sera della Vigilia di Natale.

Di chi si tratta

Il proprietario e unico utilizzatore, un uomo di 60 anni, originario della Provincia di Cosenza e residente in Svizzera, giunto sul territorio mantovano pochi giorni prima di Natale, è stato subito dopo rintracciato e condotto in caserma. Sono quindi scattate ulteriori indagini che unitamente agli elementi indiziari permettevano alla Procura della Repubblica di Mantova di disporre il fermo di indiziato di delitto per il reato di omicidio stradale aggravato dalla fuga.   L’indagato dovrà ora rispondere secondo l'ipotesi accusatoria oltre che per il reato di omicidio stradale, anche di omissione di soccorso. Grazie al lavoro sinergico tra la Procura della Repubblica di Mantova e i militari dell’Arma di Viadana, in soli quattro giorni è stato possibile dare un nome ed un cognome al soggetto responsabile del grave fatto delittuoso che è costato la vita al giovane Andrea Lodi Rizzini e che tanto ha turbato la comunità del luogo. Al termine di tutti gli accertamenti l’uomo è stato condotto presso la Casa Circondariale di Mantova a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie