Cronaca
Palazzolo sull'Oglio

Inaugurata la nuova sede del Centro Diurno Integrato

Da Palazzo Gloria a San Pancrazio al Polo Culturale su Lungo Oglio Cesare Battisti (ex Scuole Elementari a Mura)

Cronaca Oglio, 18 Dicembre 2021 ore 13:00

Inaugurata la nuova sede del Centro Diurno Integrato.

Inaugurazione

Taglio del nastro questa mattina alle 11 alla nuova sede del Centro Diurno Integrato che da Palazzo Gloria a San Pancrazio è stato trasferito al Polo Culturale su Lungo Oglio Cesare Battisti (ex Scuole Elementari a Mura): immobile già sede di altri servizi, tra cui la Biblioteca civica, il Centro per l’Impiego e INAIL, che ora ospiterà anche gli ambienti riqualificati e rinnovati per l’occasione. Questa mattina, sabato 18 dicembre, all'inaugurazione erano presenti il sindaco di Palazzolo sull'Oglio Gabriele Zanni e l'assessora ai servizi sociali Ombretta Pedercini; il presidente della Cooperativa Sociale P.A.E.S.E. Gianluigi Brescianini, il vice presidente della Cooperativa Sociale Palazzolese Alessandro Ambrosetti, il coordinatore del Centro Diurno Integrato Eugenio Facchetti, il direttore della Cooperativa Solco Brescia Antonio Benedetti, il presedente del Movimento Cooperativo Palazzolese Vincenzo Gaspari e Silvia Pasquali del Movimento Cooperativo Palazzolese.

Trasloco

Il servizio non era più attivo nelle sede di San Pancrazio a causa delle norme anti Covid imposte dalla Regione Lombardia, che di fatto hanno vietato la promiscuità tra gli ambienti del Centro Diurno Integrato e quelli delle Residenze Protette per Anziani, entrambi aventi sede a Palazzo Gloria.

Una misura a protezione degli anziani che lì vivono in maniera permanente e degli utenti over 65 che al Centro Diurno Integrato si recavano per fare fisioterapia e altre attività durante il giorno.

Per questo motivo la Giunta del sindaco Gabriele Zanni ha stanziato circa 100mila euro per riqualificare gli spazi dell’ala sinistra del Polo di Mura: i locali, totalmente rinnovati, permetteranno la fruizione del servizio del CDI in maniera più sicura per tutti, sotto ogni profilo. Qui hanno trovato spazio diverse stanze per la fisioterapia, ma anche la palestra, la cucina e aule per la convivialità, così da offrire anche ulteriori servizi agli utenti.

Centro Diurno Integrato

Il nuovo CDI – che svolge una funzione intermedia tra l’assistenza domiciliare e le strutture residenziali, ma solo in orario diurno, come dice il nome stesso – potrà offrire 15 posti accreditati da Regione Lombardia e il servizio verrà erogato dalla Cooperativa Sociale Paese, già parte del Movimento Cooperativo Palazzolese.

Sarà aperto dal lunedì al venerdì (dalle ore 9.00 alle 17.00) e potranno usufruirne i cittadini over 65 senza compromissione totale dell’autosufficienza, ma non solo: infatti, insieme ad attività

riabilitative, fisioterapiche e assistenziali, verranno garantite anche prestazioni educative e infermieristiche, al fine di una presa in carico dell’utente più completa possibile.

Infatti, tra i vari servizi presenti ci saranno le esercitazioni individuali; l’orientamento nella realtà (informazioni temporali, ricordo di fatti storici e attualità); la fisioterapia (individuale o di gruppo) e le attività di terapia occupazionale (come laboratori creativi o di scrittura); ma saranno anche garantite tutti i giorni le prestazioni infermieristiche, oltre ai bagni assistiti.

La richiesta per l'inserimento in struttura dovrà essere presentata all'Assistente Sociale del Comune di Palazzolo, o direttamente al CDI attraverso la compilazione del rispettivo modulo.

«È stato un percorso molto lungo e laborioso, che ha visto impegnate diverse realtà e diversi uffici comunali: a tutti il nostro grazie per l’importante lavoro svolto - ha commentato l’assessora ai Servizi Sociali, Ombretta Pedercini -. Ora Palazzolo potrà usufruire sul suo territorio di una struttura completamente nuova, che consentirà di dare alla popolazione anziana non solo gli importanti servizi che aveva prima, ma anche nuove attività accessorie, in locali adeguati e rinnovati. Sono davvero soddisfatta del risultato che abbiamo ottenuto: abbiamo messo in campo tante risorse, anche economiche, e tante energie, e ora il risultato è a disposizione della comunità».

 

 

Necrologie