Menu
Cerca

Imu e Tasi abolite per l’abitazione principale

Imu e Tasi abolite per l’abitazione principale
Cronaca 20 Gennaio 2017 ore 18:08

Nei tredici punti all’ordine del giorno del Consiglio comunale di Montichiari, era compresa l’approvazione del piano economico finanziario riguardante  Tasi, Tari e Imu, ma anche Irpef.  

Dopo la presentazione delle slide da parte di Renato Baratti, assessore al Bilancio, sono intervenuti i capigruppo di Lega Nord, Marco Togni, e della Lista Rosa, Giovanni Mazzei, per chiedere alcuni chiarimenti in merito alla raccolta rifiuti.

«Abbiamo ottenuto vantaggi dalla Cbbo - ha dichiarato Baratti - spazzano di più ma i costi sono sempre quelli, nonostante si sia ampliato il raggio di raccolta che comprende anche la Vulcania e Ro, senza dimenticare la recente raccolta di pannoloni».

Soddisfatto l’assessore anche per la percentuale di raccolta differenziata che è salita al 74% ed era il 56% una decina d’anni fa. Non soddisfatti delle risposte i cinque consiglieri di minoranza che si sono astenuti, anche su Tasi e  Imu.

La raccolta Tasi (Tributo Servizi Indivisibili) si assesta sui 150 mila euro, rimane inalterata rispetto al 2015 e viene assorbita dallo Stato. Aliquote molto frazionate per quanto riguarda l’Imu la cui raccolta supera i 5 milioni di euro, con 9,5% di aliquota base.

Sia l'Imu che la Tasi sono state abolite per l'abitazione principale, ovvero l’immobile nel quale il possessore risiede anagraficamente e per le relative pertinenze (garage, cantine, posti auto, ecc.). Le aliquote della Tasi sono differenziate in ragione del settore di attività nonché della tipologia e della destinazione degli immobili. Le aliquote Imu  partono da una base pari allo 0,76 per cento ed il Consiglio comunale ha mantenuto le stesse aliquote di due anni fa. La raccolta Irpef si attesta sul milione di euro, raccolto sul 45% delle persone fisiche. 


Necrologie