“Impresa dello spaccio”: in manette 3 albanesi

“Impresa dello spaccio”: in manette 3 albanesi
Cronaca 29 Marzo 2017 ore 14:12

L’attività investigativa dei carabinieri di Desenzano e della Polizia locale di Montichiari ha permesso di far luce su una vera e propria “impresa dello spaccio”, specializzata nella distribuzione al dettaglio di sostanze stupefacenti.

 Unendo le forze e intensificando i controlli sul territorio a partire dalla fine dello scorso anno, gli operanti hanno individuato due fratelli albanesi (l’uomo 25enne e la donna 38enne) che unitamente al convivente 45enne della donna (anch’egli albanese), si dedicavano al redditizio mercato degli stupefacenti, spacciando cocaina ad assuntori e insospettabili di vari comuni della Bassa e del Garda.

L’attività condotta, con metodi tradizionali, attività tecniche e con l’ausilio delle unità cinofile dell’Arma e della Polizia locale, ha consentito nel complesso di eseguire 2 arresti in flagranza, denunciare in stato di libertà 7 persone per favoreggiamento personale,  denunciare in stato di libertà 1 donna albanese per intestazione fittizia di beni, essendo risultata la proprietaria di un’autovettura in uso agli indagati, segnalare alla Prefettura di Brescia 25 persone quali assuntori di stupefacenti.

Le attività condotte hanno consentito alla Procura della Repubblica di Brescia che ha diretto le indagini, di richiedere un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Locale G.I.P. ed eseguita nella giornata di ieri. Contestualmente si è dato corso a 11 perquisizioni personali, locali e domiciliari nei confronti degli indagati con l’impiego di 40 carabinieri, 15 appartenenti alla Polizia Locale e con l’ausilio di unità cinofile.

I due uomini sono stati ristretti nel carcere “Nerio Fischione- Canton Mombello” di Brescia mentre per la donna si sono aperte le porte della casa di reclusione di “Brescia-Verziano”.


Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità