Cronaca
Chiari

Il Leo Club ha donato un cane guida a una non vedente

La donazione è stata possibile grazie all’evento benefico "The Great Night" organizzato quest’estate in Villa Mazzotti

Il Leo Club ha donato un cane guida a una non vedente
Cronaca Bassa, 03 Dicembre 2022 ore 17:57

Gli International Lions Club nascono nel lontano 1917 come organizzazioni di club di servizio, anche per combattere la cecità e per aiutare i giovani.
In questo contesto, la società di volontariato, il Leo Club Chiari "Le Quadre" da alcuni anni opera sul nostro territorio, organizzando eventi benefici.

Il Leo Club ha donato un cane guida a una non vedente

Domenica, il sodalizio ha portato a compimento un percorso iniziato lo scorso 2 luglio. In quell’occasione, infatti, l’associazione clarense aveva dato vita alla "Great Night 2022" in Villa Mazzotti, molto apprezzata per la presenza nel suo format con musica dal vivo, sfilata e lotteria di beneficenza. Grazie alla partecipazione di oltre settecento persone, il Leo Club era riuscito a racimolare i fondi necessari per realizzare la propria proposta, donare un cane a un non vedente, come già fatto negli scorsi anni.

Nella mattinata di domenica, dunque, l’associazione ha voluto riunire la cittadinanza per il momento conclusivo: all’interno del parco della Villa Mazzotti, i volontari dei Leo hanno consegnato un cane guida ad una ragazza clarense non vedente di nome Clara, nel pieno rispetto dei principi sui quali si fonda il gruppo. Sulla donazione è intervenuta la presidente Arianna Criscuolo.

Siamo arrivati alla consegna del terzo cane guida.  Siamo davvero orgogliosi del traguardo che abbiamo raggiunto. Nonostante il Covid, abbiamo portato avanti le nostre iniziative di service e vogliamo ringraziare tutti coloro che ci sono stati vicini.

Oltre alla presidente, per il Leo Club erano presenti anche la cerimoniera Serena Bianchi e il service manager Damiano Onger. A rappresentanza del Comune di Chiari, invece, ha presenziato all’evento la presidente del Consiglio comunale, Laura Capitanio.

Dopo gli interventi iniziali, gli addestratori hanno mostrato ai presenti come i cani vengano educati e come questi siano abili nell’affiancare le persone non vedenti. Infine, il Leo Club ha donato a Clara il suo nuovo compagno di vita, «Vudù» il cane guida.

Grazie, perché “Vudù” sarà un’ottima compagnia. Il cane sarà per me un ottimo amico ed anche un grande aiuto. Grazie di cuore per il vostro aiuto.

Invece, è quanto dichiarato dalla giovane Clara.

La mattinata è stata indubbiamente toccante e formativa. Oltre ad aver assistito alla consegna del cane guida, infatti, i presenti hanno potuto scoprire qualche dettaglio in più sull’educazione e l’addestramento di questi animali così affettuosi e importanti per la vita delle persone non-vedenti.

Seguici sui nostri canali
Necrologie