San Martino e Solferino

Il Covid non ferma la commemorazione per i morti della storica battaglia

La Torre di Solferino illuminata di rosso

Il Covid non ferma la commemorazione per i morti della storica battaglia
Cronaca Garda, 20 Giugno 2020 ore 14:26

Rosso Solferino. Un colore, come il Magenta, nato in ricordo delle tinte di un'epocale battaglia, quella del 24 giugno 1859, di cui ricorre il 161esimo anniversario. 150 candeline quest'anno, invece, per la Società Solferino e San Martino, l'ente morale che custodisce i Musei della Battaglia. La Rievocazione e molte delle celebrazioni in programma sono state annullate a causa del Covid19, che però non ferma del tutto l'irrinunciabile commemorazione di questo anniversario così importante per la storia d'Italia. Nella prima mattinata di mercoledì 24 giugno, a Solferino, verranno deposte Corone d'alloro da parte della Società Solferino e San Martino e del Comune di Solferino. Sarà quindi reso l'Onore ai Caduti alla Chiesa Ossario e suonato in loro memoria il Silenzio fuori ordinanza. La partecipazione del pubblico a questa cerimonia, per evitare assembramenti, non è prevista, in ottemperanza alla normativa Covid19. Sarà invece aperta a tutta la cittadinanza ed a chiunque vorrà partecipare, la Santa Messa in suffragio dei Caduti, alle 10.30 nella più capiente Chiesa di San Nicola in piazza Castello.

Pass The Torch virtuale

Rossa è anche quella Croce, simbolo internazionale di solidarietà, presente in tutto il mondo. Alle13 al Memoriale della Croce Rossa avrà luogo l'iniziativa a distanza: Pass The Torch Solferino 2020 Virtuale che sostituirà la partecipatissima Fiaccolata annuale. All'evento sarà presente di persona anche Francesco Rocca, Presidente della Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. "Quanti di questi infelici son lasciati ancora giacenti e abbandonati sulla terra umida del loro sangue", scrisse nel suo Souvenir de Solferino il fondatore della Croce Rossa, Henry Dunant, parlando dei feriti della Battaglia.

Una salava di fucile per accendere la Rocca di rosso

Alle 21.30 ci sarà una salva di fucile dei Gruppi di Rievocazione Storica Centesimo di Linea, in uniforme rosso-blu (Francesi) e dell'Associazione Napoleonica d'Italia, in divisa bianca (Austriaci). Lo sparo dei Rievocatori accenderà la Rocca di rosso, che si illuminerà di questo colore, a memoria del sangue di tutti i Caduti, per ricordare cosa accadde qui il 24 giugno di 161 anni fa.

Aperture dei Musei

In occasione del 150esimo Anniversario della Società Solferino e San Martino è stato creato uno speciale annullo postale che sarà disponibile tutta la giornata del 24 giugno nel Museo della Battaglia. Si potrà ottenere l'annullo anche recandosi in mattinata, dalle 10 alle 13, presso l'Ufficio Postale di Solferino. Museo e Rocca a Solferino e complesso monumentale di San Martino della Battaglia saranno aperti al pubblico, con tutte le precauzioni previste dalla normativa di contenimento del Covid19. Per celebrare i 161 anni dalla Battaglia, i Musei a San Martino e Solferino nella settimana da lunedì 22 giugno a domenica 28 giugno saranno visitabili tutti i giorni (ad eccezione del lunedì, a Solferino, giorno in cui i siti museali resteranno chiusi). La settimana straordinaria d'apertura a Giugno, inaugurerà anche l'apertura ordinaria delle settimane successive, in cui i Musei saranno aperti regolarmente dal martedì alla domenica a Solferino (9-12.30 e 14.30-19) e dal lunedì alla domenica a San Martino (con gli stessi orari e la domenica, con orario continuato 9-19).

Necrologie