il caso

I Nas sequestrano settantamila confezioni di piatti e posate monouso

Ad ogni imprenditore sono state contestate violazioni amministrative punite con sanzioni pecuniarie di poco inferiori ai trentamila euro

I Nas sequestrano  settantamila confezioni di piatti e posate monouso
Pubblicato:

I Nas sequestrano settantamila confezioni di piatti e posate monouso, perché ritenuti "non sicuri".

Prive delle indicazioni previste dalla legge

Il Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Brescia ha eseguito il sequestro di centinaia di migliaia di oggetti monouso destinati ad entrare in contatto con gli alimenti. Sono stati infatti dichiarati potenzialmente pericolosi per la salute. É infatti emerso come tali articoli macassero di fatto delle indicazioni relative alla provenienza dei materiali di cui erano composti oltre che di quelle relative alle verifiche e finalizzate a  garantirne la salubrità escludendo il pericolo, durante il loro impiego, di “migrazione” di sostanze nocive. Per di più, le aziende che li avevano importati e distribuiti avevano omesso di comunicare la loro attività all’autorità sanitaria, tutte condizioni che la normativa in materia stabilisce come obbligatorie.

La scoperta nel corso di una ispezione di routine in un supermercato bresciano: qui sono state rinvenute le prime cinquecento confezioni di piatti e posate monouso non conformi. Da lì, poi, l'attenzione da parte dei militari si è spostata sulle aziende produttrici dei prodotti in questione. Di queste due con sede nel Milanese e una nella provincia di Brescia. Scoperte così altre settantamila confezioni.  Ad ogni imprenditore sono state contestate violazioni amministrative punite con sanzioni pecuniarie di poco inferiori ai trentamila euro.

Le misure adottate

L’autorità sanitaria ha disposto la sospensione di ogni attività irregolarmente condotta. I prodotti sottratti al supermercato  saranno campionati ed analizzati al fine di escluderne la non pericolosità per la salute in relazione al possibile rilascio di sostanze nocive.

In evidenza un'immagine d'archivio.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali