Menu
Cerca

FORZA FRANCESCO, NON MOLLARE! Lotta contro la morte dopo l'aggressione dei rapinatori

FORZA FRANCESCO, NON MOLLARE! 
Lotta contro la morte dopo l'aggressione dei rapinatori
Cronaca 25 Gennaio 2017 ore 09:32

Nessuna buona notizia dal nosocomio Spedali Civili di Brescia, dove è ricoverato in condizioni disperate per le gravissime ferite alla testa il 36enne Francesco Scalvini di Ghedi.

Senza sosta, nel frattempo le indagini dei carabinieri e dei militari della Digos sulla rapina consumatasi a Ghedi, di via Petrarca, nella serata di lunedì 23 gennaio. L'aggressione nel cortile che divide la casa di Ignazio e Giancarlo Scalvini da quella di Francesco.

Dopo aver sentito rumori provenienti dai locali del magazzino dell'azienda di famiglia, posta al piano terra, Giancarlo e Ignazio si erano diretti in cortile dove si sono trovati faccia a faccia con i malviventi che si erano già nascosti in una stanzetta nell'abitazione del secondo piano, quella di Giancarlo, raggiunta con una scala trovata nel cortile dove si è scatenata l'inaudita violenza. A farsi avanti era stato Francesco, che abita a poca distanza, allertato telefonicamente dallo zio. Il giovane  ha provato in ogni modo a difendere padre e zio, ma i tre malviventi hanno avuto la meglio: armati di tubi di ferro e piedi di porco l'hanno colpito più volte con violenza, soprattutto al volto e alla nuca.

Mentre loro scappavano è uscita anche Cristina, moglie di Francesco: è stata lei a prestare i primi soccorsi al giovane, sdraiato sul ciglio del cancello di casa. 


Necrologie