Cronaca
Tragedia sfiorata

Finisce con l’auto nel canale con la figlia di tre anni a bordo: salvata dai Carabinieri

La piccola è stata rianimata sul posto e poi trasportata in ospedale. L’incidente a Nuvolera.

Finisce con l’auto nel canale con la figlia di tre anni a bordo: salvata dai Carabinieri
Cronaca 08 Febbraio 2021 ore 12:16

Finisce con l’auto nel canale con la figlia di tre anni a bordo: salvata dai militari.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Brescia sono intervenuti nella serata di ieri a Nuvolera dove si era da poco verificato un pericoloso incidente stradale. Una pattuglia impiegata nel normale servizio di controllo del territorio, poco dopo le 19, ha notato infatti alcune auto in sosta sul margine della Sp116 e si è fermata per verificare cosa stesse accadendo. Sul posto, la scena che gli si è presentata davanti è stata tragica: un’auto ribaltata nel canale adiacente alla strada ed una giovane mamma disperata poiché a bordo della sua utilitaria, oramai semi-sommersa dall’acqua, c’era la figlia di soli 3 anni, rimasta vincolata al seggiolino e in serio pericolo.

Il pronto intervento

I militari dell’Arma allertavano immediatamente i soccorsi scendendo contestualmente l’argine del canale dove, grazie al prezioso aiuto di un cittadino intervenuto che riusciva a liberare la piccola, la riportavano sulla strada accorgendosi però che la stessa era incosciente e non respirava. Attimi di terrore, interrotti immediatamente dalla prontezza dei Carabinieri che, entrambi esperti di tecniche di rianimazione apprese nell’ambito di corsi formativi organizzati dall’Arma, praticavano alla piccola un massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca. Le manovre rianimatorie sono durate 3 lunghissimi minuti, al termine dei quali la bambina ha ripreso le funzioni vitali con enorme sollievo di tutti i presenti. Subito dopo è giunta sul posto un’autoambulanza che ha trasportato madre e figlia presso gli Spedali Civili di Brescia, dove si trovano tuttora in osservazione ma, per fortuna, entrambe fuori pericolo.

Necrologie