Cronaca
Chiari

Finanziata la riqualificazione di nido e materna Pedersoli

Il sindaco Vizzardi: "Chiari arriva a ben 20 milioni di euro complessivi di contributi statali per le nostre scuole. Viene premiata una visione solida e coraggiosa dell'Amministrazione".

Finanziata la riqualificazione di nido e materna Pedersoli
Cronaca Bassa, 29 Agosto 2021 ore 11:23

Il Comune di Chiari ha ottenuto quasi 2 milioni di euro per le scuole. Questi permetteranno la riqualificazione di due edifici.

Finanziata la riqualificazione di nido e materna Pedersoli

Chiari si conferma tra le città con una grande capacità di visione e di progettualità. Lo dimostra il nuovo importante riconoscimento (in termini di finanziamento) ottenuto dallo Stato: 1 milione e 700mila euro che verranno utilizzati per finanziare interamente i lavori di riqualificazione dell'asilo nido e della scuola materna Pedersoli.

Il riconoscimento

Infatti, su oltre 2.600 domande pervenute da altrettanti Comuni in tutta Italia, Chiari è tra gli 8 Comuni bresciani che riceveranno parte dei 14 milioni di euro stanziati dal Governo per la messa in sicurezza, la ristrutturazione, la riqualificazione e la costruzione di edifici comunali destinati ad asili nido, materne e centri per la famiglia. Nello specifico, l’intervento di Chiari interessa un ampio bacino di utenza (dati riferiti alla popolazione residente nel Comune di Chiari al 31 dicembre 2020) con 479 bimbi all'Asilo Nido (fascia 0-3 anni) e 538 bimbi alla Scuola dell’Infanzia (fascia 3-6 anni).

Gli interventi

In concreto, gli interventi finanziati consentiranno di riqualificare le strutture con resistenza antisismica; mentre con la sostituzione di tutti i serramenti e la riqualificazione degli involucri sarà possibile anche ottimizzare le caratteristiche termiche ed energetiche, favorendo ulteriormente sia il comfort interno e contemporaneamente abbattendo i consumi con significative ricadute per il bilancio comunale.
Non solo. È previsto l'abbandono definitivo delle caldaie a gas: anche questi due plessi scolastici raggiungeranno come tutti gli altri la classe energetica A4 e soprattutto saranno Nzeb, ossia capaci di autoalimentarsi e di coprire il fabbisogno energetico con l'energia prodotta da fonti alternative (nello specifico sarà unicamente il sole a riscaldare e raffrescare, ma anche illuminare e dare corrente a questi due plessi scolastici).
Nella cucina si provvederà alla ridistribuzione e messa a norma degli impianti elettrici e idrosanitari, alla sostituzione della cappa aspirante e alla sostituzione dei rivestimenti di parete; si provvederà anche al rifacimento e messa a norma dei servizi igienici destinati al personale.
Inoltre, si procederà con la ripavimentazione di spazi interni ed esterni con materiali idonei e si prevede il rifacimento della cinta perimetrale che delimita lo spazio esterno di entrambi i lotti.  Insomma, il progetto potrà favorire la totale riqualificazione del nido e della materna, avvantaggiando realtà che stimolino l’incontro e la presenza dei genitori e della comunità attorno alla cultura dell’infanzia e dell’educazione dei bambini tra 0 e 6 anni.

I commenti

«Grazie all'ultima operazione da 1 milione 700mila euro, Chiari arriva a ben 20 milioni di euro complessivi di contributi statali per le nostre scuole - ha commentato con orgoglio il sindaco Massimo Vizzardi - Viene premiata una visione solida e coraggiosa dell'Amministrazione comunale e viene premiato il grande lavoro degli uffici comunali a cui dobbiamo un grande grazie come città. Ora rimane alla scuola gestire al meglio questi preziosissimi spazi per i nostri giovani concittadini».

Ma non solo: «È con orgoglio che ci accingiamo ad intervenire sulla struttura del nostro asilo nido comunale: servizio che riteniamo fondamentale per le nostre famiglie, ma soprattutto per l’educazione dei nostri bimbi più piccoli - ha aggiunto l’assessore all’Edilizia Scolastica, Emanuele Arrighetti - Non posso che esprimere grande soddisfazione per il riconoscimento di questo contributo, totalmente a fondo perduto e che copre tutto il costo dell’intervento, senza alcuna compartecipazione economica da parte del Comune. È un riconoscimento alla determinazione e alla volontà di questa Amministrazione di adempiere fino in fondo a quello che era il suo principale obiettivo di mandato, ovvero la scuola. Un ringraziamento al lavoro di squadra che ha visto coinvolti la Giunta, i consiglieri comunali di maggioranza e gli Uffici comunali».

Infine, è intervenuto anche il vicesindaco. «È una grande soddisfazione: altri 1 milione e 700mila euro di contributo statale, stavolta per l'asilo nido e la materna Pedersoli che saranno più belle, accoglienti e moderne, a vantaggio dei nostri piccoli - ha concluso Maurizio Libretti, anche assessore alle Opere Pubbliche - L'area Lavori Pubblici ancora una volta è stata premiata per la qualità delle sue proposte e per la progettazione, e bisogna evidenziare che facendo i conti sfioriamo i 20 milioni di euro raccolti in questi ultimi sette anni. Sembra ormai una cosa normale, ma è straordinario per un Comune come il nostro».

Necrologie