Cronaca
Garda

Evoluzioni pericolose in zona riservata alla balneazione, sanzionati motoscafo e moto d'acqua

Violato il Codice della Nautica da diporto.

Evoluzioni pericolose in zona riservata alla balneazione, sanzionati motoscafo e moto d'acqua
Cronaca Garda, 21 Luglio 2022 ore 07:18

É giunta intorno alle ore 17:30 di mercoledì 20 luglio 2022, direttamente al numero della Sala Operativa della Guardia Costiera del Lago di Garda, la segnalazione allarmata di un bagnante che evidenziava la pericolosità di un potente motoscafo e di una moto d’acqua, che partivano dalla spiaggia creando allarmismo e pericolo tra i numerosi bagnanti presenti a quell’ora nelle acque del basso lago.

Navigazione pericolosa

Dirottato immediatamente nella zona il G.C.A58 del Nucleo Mezzi Navali della Guardia Costiera di Salò, che giunto nelle acque di Lonato e accertata l’effettiva navigazione pericolosa corrispondente alla segnalazione formulata dal bagnante, ha inseguito con i dispositivi di segnalazione visivi ed acustici le due unità da diporto, riuscendo a fermarle, a riportare, quindi, la quiete nello specchio acqueo riservato alla balneazione, procedendo, nel contempo, ad eseguire i controlli documentali di rito, a seguito dei quali sono state redatte, a carico dei due diportisti, tre sanzioni amministrative per navigazione pericolosa, navigazione in zona riservata alla balneazione e violazione del Codice della Nautica da diporto.

196 sanzioni amministrative in un anno

Continua, quindi, senza soluzioni di continuità l’attività della Guardia Costiera del Lago di Garda che nell’anno 2022, ha già redatto 196 sanzioni amministrative la maggior parte delle quali redatte per violazione delle norme sulla sicurezza della navigazione, relative a navigazioni pericolose, ovvero in zone riservate alla balneazione. Il dispositivo operativo della Guardia Costiera sul Lago di Garda – si legge nella nota stampa – nell’ambito dell’operazione nazionale Mare/Lago Sicuro 2022 è stato potenziato dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, su specifica richiesta della Direzione Marittima di Venezia, portando i mezzi navali assegnati al Nucleo da cinque a sette, distribuiti sulle tre sponde lacuali tra le basi di Salò (sponda Bresciana), Lazise (sponda Veneta) e Torbole (sponda Trentina).

 

 

 

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie