Cronaca
Tribunale di Brescia

Eseguita misura cautelare nei confronti di sei minori per rapina e lesioni

Tutti di età compresa tra i 14 e i 15 anni.

Eseguita misura cautelare nei confronti di sei minori per rapina e lesioni
Cronaca Alto Mantovano, 24 Luglio 2022 ore 12:50

Nei guai sei minorenni.

Obbligo di permanenza in casa

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mantova, nella mattinata di venerdì 22 luglio 2022 , hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di permanenza in casa, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia su richiesta della Procura per i Minorenni, nei confronti di sei minorenni, tutti di età compresa tra i 14 ed i 15 anni, gravemente indiziati di essere i responsabili di un’aggressione e della conseguente rapina aggravata perpetrata nel sottopasso di via Visi di Mantova nel pomeriggio del 12 giugno scorso a danno di un coetaneo.

La richiesta di un chiarimento

A seguito di una lite avvenuta qualche settimana prima per futili motivi, uno dei minori colpiti dalla misura aveva invitato la vittima ad un incontro nella zona di Palazzo Te per un chiarimento. Ma immediatamente lo aveva invitato a seguirlo nel vicino sottopasso dove, ad attenderlo, vi erano altri cinque minori che, immediatamente, in gruppo, aggredivano il malcapitato con calci e pugni, facendo anche uso di un ramo reperito sul posto. Al termine di quella che si palesava come una vera e propria spedizione punitiva, gli aggressori sottraevano alla vittima un cappellino, una cassa bluetooth e la bicicletta con cui era giunto, per poi darsi a repentina fuga e far perdere le proprie tracce. 

Identificati i responsabili

La vittima ha riportato varie lesioni. Le indagini avviate nell’immediatezza dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Mantova ha permesso di identificare tutti i responsabili e ricostruire dettagliatamente il grave fatto reato grazie alla testimonianza della vittima, di alcune persone informate sui fatti, all’analisi dei filmati dei sistemi di videosorveglianza della zona ed all’acquisizione di un filmato realizzato dagli aggressori e scambiato con altri coetanei. I minori ora dovranno permanere  nelle proprie abitazioni con la possibilità di uscire solo per seguire le attività predisposte dai servizi sociali minorili dell’Amministrazione della Giustizia.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie