Capriolo

Ecografia addome completo ed ecografia della tiroide in provincia di Brescia. A chi rivolgersi?

Nuovo ecografo di ultima generazione presso il Poliambulatorio Medical Plan di Capriolo

Ecografia addome completo ed ecografia della tiroide in provincia di Brescia. A chi rivolgersi?
Cronaca Sebino e Franciacorta, 10 Febbraio 2021 ore 15:00

Dove fare un’ecografia addome completo o della tiroide in provincia di Brescia in tempi rapidi e in modo accurato? Al Poliambulatorio Medical Plan hanno da poco acquistato un nuovo ecografo e ci sono medici qualificati in grado portare a termine gli esami.

Ecografia addome completo o della tiroide a Brescia per una prevenzione di qualità

Come capire se un mal di pancia, problemi intestinali o altri disturbi, per esempio alla gola, sono un campanello d’allarme che squilla a causa di malattie più gravi? Un’indagine di primo livello universalmente riconosciuta è quella dell’ecografia, che però deve essere effettuata solo ed esclusivamente da medici specialisti competenti. Al Poliambulatorio Medical Plan di Capriolo il nuovo ecografo Color Doppler System DC 70 offre immagini di qualità grazie alle quali il lavoro del medico è agevolato.

Addome completo, quali organi prende in esame?

Quasi tutti gli organi del corpo umano possono essere indagati attraverso l’ecografia. Per questo, l’ecografo ha assunto crescente importanza in ambito di medicina di prevenzione. I medici internisti in servizio da Medical Plan effettuano ecografie addome completo nella maggior parte dei casi sui prescrizione medica, ma anche semplicemente a richiesta dei pazienti. L’esame permette di sondare le condizioni degli organi racchiusi nell’addome e in modo particolare quelle di fegato e reni. Il medico che effettua l’ecografia, abbinando l’esame delle immagini all’anamnesi, ovvero alle informazioni raccolte direttamente dal paziente, riesce solitamente a elaborare un orientamento diagnostico clinico preciso. Una volta fatto questo può poi indirizzare il percorso successivo già in ottica di terapia. In alternativa può consigliare esami di secondo livello (TAC, RNM ecc.). Oltre a quella diagnostica, l’ecografia ha anche validità prognostica prendendo in esame, per esempio, l’evoluzione di una lesione nel tempo, o monitorando periodicamente l’esito di una terapia.

Ogni quanto tempo si fa?

Non ci sono indicazioni precise in merito. L’ecografia addome completo è infatti considerata un po’ come un tagliando di buona salute da effettuarsi periodicamente a giudizio del paziente. Ci sono poi evenienze in cui il medico prescrive il monitoraggio periodico di una situazione. Per esempio, in caso di terapia contro l’epatite C l’ecografia andrebbe fatta ogni 6 mesi. Per patologie meno impegnative il monitoraggio può avere luogo ogni 12-18 mesi. Ci sono infine persone che, a causa del protrarsi di un malessere che genera in loro timore,  si presentano una volta al mese.

Rilevato un problema, cosa succede?

Una volta rilevata la presenza di una problematica attraverso l’ecografia, il medico può prescrivere ulteriori accertamenti. In alternativa, nel caso l’eco permetta una diagnosi certa (oggi gli ecografi offrono immagini sempre più precise e definite), il medico può rinviare il paziente a uno specialista, oppure può prescrivere la terapia, mantenendo quindi sotto controllo il decorso personalmente.

Ecografia addome completo, nessuna controindicazione

E’ importante sapere che l’ecografia non ha controindicazioni di alcun genere. L’immagine degli organi e delle strutture interne viene ricostruita grazie a ultrasuoni prodotti da tecnologie sempre più sofisticate, come quella utilizzata presso Medical Plan. Il loro unico effetto collaterale è al limite quello di scaldare la parte esaminata. Tuttavia, perché il riscaldamento diventi rilevabile in qualche modo, l’esame dovrebbe durare a lungo. Un’ecografia invece, per quanto approfondita, non si protrae quasi mai per più di 20 minuti.

E l’ecografia della tiroide?

E’ un’altra indagine per immagini che si ottiene con l’ecografo. La tiroide è la più importante ghiandola endocrina del nostro corpo. Gli ormoni che rilascia controllano le attività metaboliche e sono responsabili del corretto funzionamento di gran parte delle cellule dell’organismo.  L’ecografia alla tiroide, che si effettua posizionando le sonde dell’ecografo sul collo, permette di verificarne le condizioni di salute e di identificare eventuali problematiche.

Ipertiroidismo e ipotiroidismo

Le problematiche alla tiroide possono essere di due tipi: ipertiroidismo o ipotiroidismo. Nel primo caso, si manifestano irritabilità e disturbi del sonno, aumento dell’appetito e calo di peso, intolleranza al caldo e sudorazione intensa, irregolarità mestruali. Nel secondo, segnali di ridotta attività tiroidea sono stanchezza e sonno eccessivo, eccessiva sensibilità al freddo, costipazione, secchezza e pallore della pelle, gonfiore al volto e alle palpebre e voce rauca.

L’importanza dell’ecografia della tiroide

In presenza dei sintomi suddetti e quando si nota un incremento volumetrico della tiroide, un rigonfiamento nella parte anteriore della gola, si soffre di raucedine, difficoltà a respirare o a deglutire il medico consiglia l’ecografia. Se riscontra la presenza di segni d’infiammazione, o di noduli, consiglia subito accertamenti più approfonditi e non invasivi come esami del sangue o, eventualmente, l’ago aspirato. Sulla base dell’esito conferma la propria diagnosi e imposta una terapia. In alternativa rimanda il paziente dall’endocrinologo, medico specializzato, tra l’altro, nella cura delle patologie della tiroide.

Ecografia addome completo ed ecografia della tiroide, a chi rivolgersi

Per informazioni e prenotare una visita contattate lo 0300948545 o visitate il nostro sito internet all’indirizzo www.medicalplan.it.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli