Drammatico incidente a Lonato

I soccorritori stanno sopraggiungendo con tre ambulanze e l'elisoccorso

Drammatico incidente a Lonato
Garda, 18 Luglio 2019 ore 18:14

Drammatico incidente in via Bettola, a Lonato del Garda, con coinvolto un mezzo pesante, lungo la strada che collega la Sp11 e la Sp28

Aggiornamento delle 20.30

La Polizia Stradale ha ricostruito l’esatta dinamica dell’incidente che ha visto protagoniste una lancia Ypsilon e una  betoniera. L’utilitaria, guidata da una donna di 68 anni e con a bordo i nipotini di 10 e 8, si è scontrata frontalmente contro la betoniera. Ad avere la peggio sono stati gli occupanti dell’autovettura. Il più grave è il bambino di dieci anni portato in elicottero all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo per un trauma tra addome e torace dovuto al fatto che è rimasto incastrato tra i sedili, la nonna è stata portata in codice giallo al Civile per un  trauma all’addome, il più piccolo sempre al Civile con un lieve trauma cranico. Illeso, invece, l’autista quarantenne della betoniera

Aggiornamento delle 19.13

Il bilancio dell’incidente è grave, ma fortunatamente non drammatico. Nello scontro sono rimaste ferite quattro persone, tra cui un bambino di dieci anni, cui si aggiungono due uomini e una donna. Per tutti è stato disposto il trasferimento in ospedale in ambulanza (nel frattempo se ne è aggiunta una quarta alle tre inizialmente inviate), tranne per uno, il più grave, caricato sull’eliambulanza.

Il sinistro

L’allarme è scattato alcuni minuti prima delle 18. Stando a quanto riferito dall’Agenzia regionale di emergenze urgenza il drammatico incidente stradale ha coinvolto un mezzo pesante. Un urto molto violento tanto che sul posto, oltre alla Polizia Stradale di Brescia e ai Vigili del Fuoco, stanno sopraggiungendo tre ambulanze e un elisoccorso. Al momento pare che ci sono due persone coinvolte nel drammatico incidente

Seguono aggiornamenti 

TORNA ALLA HOME PAGE 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia