Cronaca
Borgo San Giacomo

Dopo 20 anni di attività Vanigliò è andato in pensione

Ha cessato l'attività e l'ha ceduta a un'altra persona

Dopo 20 anni di attività Vanigliò è andato in pensione
Cronaca Bassa, 18 Dicembre 2021 ore 15:43

Dopo 20 anni Vanigliò va in pensione.
Non solo una gelateria artigianale ma anche un uomo a bordo di un coloratissimo furgone dei gelati, che solo a vederlo faceva davvero la felicità dei più piccoli.

Dopo 20 anni Vanigliò va in pensione

Dopo più di 20 anni di attività in paese però, a 62, il proprietario Andrea Brognoli ha deciso, dopo una lunga riflessione, di andare in pensione e cedere la sua attività a qualcun altro che la riaprirà con il prossimo anno.
La presenza di Brognoli e della moglie però mancherà sicuramente a tutti: un uomo che ha portato il gelato per tutta la Bassa e non solo, con il suo furgoncino colorato.
Il mestiere però, l’ha imparato dopo, per passione, dopo aver provato diverse professioni.
«Ho fatto il calzolaio e poi il rappresentante, nel 2001 invece ho deciso di aprire la gelateria artigianale in paese dato che non ce n’era una e nel 2010 ci siamo evoluti come caffetteria - ha raccontato il proprietario - Poi ho comprato il furgone per poter portare il gelato proprio ovunque: fuori dalle scuole, alle sagre e alle feste di paese, ma anche agli eventi. Ricordo con piacere la gioia dei bambini quando mi vedevano all’uscita di scuola e i nonni che li andavano a prendere, che spesso mi sgridavano bonariamente. All’inizio eravamo proprio nuovi del settore e abbiamo messo all’attività il nome di Vanigliò perché una volta c’era un uomo nei nostri paesi che vendeva i gelati e si faceva chiamare Maniglio, era di Orzinuovi e faceva anche lui l’ambulante. Abbiamo voluto riprendere la tradizione. Ho lavorato molto e faticato per imparare e dai gelati che ho venduto sono arrivati anche i semifreddi, le torte e tanto altro. In questi 20 anni è stato davvero tutto molto bello, non ci sono stati momenti che ricordo con dispiacere».
Il primato dei gusti venduti a Borgo rimane sempre nocciola e pistacchio, per i bambini puffo.
«Auguro tanta fortuna a chi ha rilevato la mia attività e ringrazio la mia clientela», ha concluso Brognoli.

Necrologie