Cronaca
IN VIAGGIO

Dalla Franciacorta alla Puglia: il giro d'Italia di Liviana e Mauro per riscoprire le bellezze dello Stivale GALLERY

La coppia di Castegnato ha preparato il viaggio durante i mesi di lockdown, studiando l'itinerario e allenandosi con una bici da spinning.

Dalla Franciacorta alla Puglia: il giro d'Italia  di Liviana e Mauro per riscoprire le bellezze dello Stivale GALLERY
Cronaca Sebino e Franciacorta, 28 Agosto 2020 ore 08:00

Dalla Franciacorta alla Puglia: il giro d'Italia di Liviana e Mauro per riscoprire le bellezze dello Stivale. In sella alle loro bici da corsa hanno percorso 2870 chilometri in 18 giorni.

di Valentina Pitozzi

Dalla Franciacorta alla Puglia: il giro d'Italia di Liviana e Mauro per riscoprire le bellezze dello Stivale

18 giorni, 2870 chilometri, due bici e 20 kg di bagaglio. Sono solo alcuni dei numeri del viaggio intrapreso dai castegnatesi Liviana Pedretti e Mauro Pozzi, partiti per il giro d’Italia sulle due ruote il 1 agosto e tornati con tanti aneddoti pronti a emozionare anche chi non ha pedalato con loro.

Per loro si è trattato di un vero e proprio viaggio alla scoperta delle bellezze italiane per assaporare l’ospitalità e godere dei paesaggi che contraddistinguono il nostro Pese. E per mettersi alla prova prima di un’importante sfida.

A motivarli l’esperienza maturata lo scorso anno con la PBP (Parigi-Brest-Parigi), l’olimpiade delle randonnée che si disputa ogni 4 anni in Francia a partire dal 1931.

L'itinerario

In sella alle loro bici da corsa sono partiti da Castegnato arrivando a Genova; una volta qui hanno imboccato per Pisa attraversando la Toscana e scendendo fino a Roma. Dalla capitale hanno raggiunto Salerno e la Costiera Amalfitana, l’entroterra con Matera e altri piccoli borghi, per poi tornare sulla costa con la Puglia e la Costiera Adriatica.

Ogni tappa si spostava di 150 km per un totale, come accennato, di 2870 km e 24mila metri di dislivello.

Tanti i luoghi toccati, così come i volti incontrati, incuriositi dalla modalità di viaggio.

Nuova sfida

«È stato indescrivibile arrivare a Roma all’alba, trovandola deserta – ha ricordato Liviana – Così come sentire i profumi della campagna toscana poco prima che il sole sorga». I ciclisti, infatti, hanno viaggiato molto di notte per evitare il traffico e il caldo che a un certo punto è arrivato a toccare i 43.7 gradi a Genova.

Liviana e Mauro, nel frattempo, si stanno già preparando per la prossima grande prova: la Rando Imperator, gara di 600km contro il tempo da Monaco a Ferrara, posticipata causa Covid al prossimo anno.

GALLERY

117831681_3407184492654713_1304610191567326818_o
Foto 1 di 3

Un primo piano di Liviana Pedretti e Mauro Pozzi all'alba.

117821796_3407185715987924_6635317592345361300_o
Foto 2 di 3

Le ombre dei ciclisti che si allungano sul percorso.

117445443_3392703547436141_2171551083671617293_o
Foto 3 di 3

Liviana Pedretti e Mauro Pozzi di fronte alla Reggia di Caserta.

L'articolo completo nell'edizione di ChiariWeek in edicola da oggi, venerdì 28 agosto.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie