IL CASO

Covid-party a Lonato: in 180 nel capannone per festeggiare un battesimo

Folle evento a Lonato con quasi 200 commensali senza mascherina tra buffet e live-music

Covid-party a Lonato: in 180 nel capannone per festeggiare un battesimo
Garda, 13 Ottobre 2020 ore 09:53

Covid-party a Lonato: in 180 nel capannone per festeggiare un battesimo.

E’ accaduto a Lonato del Garda sabato 10 ottobre 2020, quando la Polizia Intercomunale di Bedizzole, Lonato e Calcinato, assieme ai Carabinieri di Desenzano del Garda, ha effettuato un sopralluogo in un capannone di via Molini, dopo alcune segnalazioni di schiamazzi da parte dei residenti.

Un vero «Covid Party»

Lo spettacolo che le forze dell’ordine han dovuto fronteggiare è stato degno di qualsiasi festa pre-coronavirus: quasi 200 persone stavano partecipando alla festa di battesimo organizzata da una famiglia Rom in una nota ex discoteca della zona (ora in disuso), con tanto di banchetti, musica dal vivo e molto altro. Naturalmente, con poche o pochissime mascherine indossate e distanze di sicurezza non consone.

Al contrario rispetto al Dpcm

Nel fine settimana che ha visto protagonista assoluto della news feed il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte che limitava in maniera netta le feste private e proprio battesimi e matrimoni, a Lonato si è consumato l’esatto opposto di quanto proposto dal primo ministro italiano.

Pesanti le sanzioni

Un fiume di persone, quasi tutti Rom, totalmente incuranti del pericolo e delle misure di sicurezza attualmente in vigore in Italia. Da un controllo successivo, è stato constatato come era facile immaginare che il capannone era stato locato in nero, aggiungendo reati e contravvenzioni alle già moltissime ravvisate dalla forze dell’ordine al momento del sopralluogo e che si sono trasformate in pesanti ammende per tutti i partecipanti: si tratta di un battesimo che di certo non dimenticheranno facilmente.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia