LOCKDOWN ECO-FRIENDLY

Coronavirus: padre e figlio aprono un orto collettivo durante la quarantena

Tutti possono recarsi all’"Orto di Mattia" per prendersi cura del progetto.

Coronavirus: padre e figlio aprono un orto collettivo durante la quarantena
Cronaca Sebino e Franciacorta, 19 Giugno 2020 ore 08:00

di Valentina Pitozzi

Coronavirus: padre e figlio aprono un orto collettivo durante la quarantena. L'iniziativa a preso vita alla Pedrocca, frazione di Cazzago S. Martino, in Franciacorta.

Coronavirus: padre e figlio aprono un orto collettivo durante la quarantena

Si può diventare coltivatori e avvicinarsi alla vita agreste durante una quarantena. Sono numerosi gli esempi che lo hanno dimostrato in tutta Italia.

Ecco che anche a Cazzago è nato un piccolo orto collettivo per rispondere alla necessità di riconnettersi alla natura durante un momento particolarmente provante, dal punto di vista sia fisico sia psicologico.

L’idea è venuta alla coppia padre-fliglio composta da Paolo e Mattia Minelli, per ovviare all’elevata quantità di tempo trascorsa davanti ai dispositivi elettronici.

Il là del Comune

Con i permessi del caso da parte del Comune,  il terreno "di proprietà della strada" al confine della Pedrocca è stato ribattezzato "L’orto di Mattia" ed è diventato un angolo in cui coltivare verdura e condividere momenti all’aria aperta sperimentando nuove sensazioni.

"Inizialmente eravamo mio figlio, che ha quasi 5 anni, e io – ha proseguito Minelli – Poi si sono aggregati altri bambini con i propri genitori".

Ogni giorno, a turno, le famiglie si ritrovano per estirpare erbacce, controllare come crescono gli ortaggi o, semplicemente, giocare con i più piccoli, che si divertono a maneggiare la terra.

Biodiversità

L’orto ospita 30 piante in tutto, accogliendo diversi tipi di verdura, come i peperoni e i pomodori: un bell’esempio per insegnare ai bambini la biodiversità, il rispetto per l’ambiente e il contatto con il paesaggio divertendosi.

L'articolo completo nell'edizione di ChiariWeek in edicola da oggi, venerdì 19 giugno.

Necrologie