Cronaca

Comunità in lutto per Francesco Baronio

Comunità in lutto per Francesco Baronio
Cronaca 09 Giugno 2017 ore 11:26

La comunità di Visano si sta stringendo attorno alla famiglia di Francesco Baronio, il 37enne trovato senza vita ieri pomeriggio nel fiume Chiese, nei pressi del confine con Acquafredda.

Diverse le dimostrazioni di affetto alla famiglia sia dai concittadini che dagli abitanti dei paesi limitrofi dove il giovane era molto conosciuto.

Sono stati proprio i cittadini a mobilitarsi organizzando insieme alla Protezione civile diverse squadre di ricerca che ieri si sono messe sulle tracce del giovane. A lanciare l'allarme la cognata che non l'aveva visto rincasare, Francesco non si era presentato neanche al consueto appuntamento mattutino con gli operatori de "Il Quadrifoglio", la cooperativa per il recupero cognitivo di giovani disabili per cui Francesco lavorava e che ogni giorno lo passava a prendere in paese. Ma ieri mattina Francesco non ha comunicato a nessuno che non si sarebbe presentato all'appuntamento.

Era stato avvistato prima delle 8 mentre si dirigeva a piedi verso Acquafredda, maglietta bianca, pantaloncini neri e zainetto azzurro sulle spalle. Sulla base di questi indizi si sono mobilitate le ricerche, e proprio grazie alla maglietta bianca avvistata su un masso nei pressi della diga di Acquafredda l'amara constatazione.

A ritrovare il corpo nell'acqua un agricoltore di origini indiane insieme ad altri due colleghi. Dalle prime ricostruzioni non si esclude che il giovane possa essere scivolato, ma sarà l'autopsia a fornire ulteriori informazioni circa le cause della morte. La rovinosa caduta sarebbe avvenuta in prossimità della diga e proprio l'impatto con la barriera in cemento avrebbe causato la profonda ferita al cranio. Per i primi rilievi sono intervenuti i carabinieri di Isorella insieme alla Polizia locale. Sul posto anche il primo cittadino di Visano Francesco Piacentini e il parroco.

Il 37enne disabile viveva con la sorella Laura, i genitori erano morti qualche anno prima. La famiglia, lacerata nuovamente dal dolore, era già stata protagonista di una tragica vicenda che aveva visto il fratello Achille togliersi la vita pochi anni fa. A piangerne la scomparsa anche il fratello Antonio con la moglie Manuela e le loro figlie. 

A causa del tragico lutto la Pro loco del paese ha deciso di annullare l'evento "Pizza in piazza" programmato per questo fine settimana, e di posticipare a data da destinarsi i giochi delle contrade.


Necrologie