NELLA NOTTE

Collassa una cisterna di ipoclorito di sodio, paura a Brescia

Fondamentale l'intervento dei pompieri a mettere in sicurezza l'area dal rischio contaminazione

Brescia, 04 Settembre 2020 ore 08:55

Collassa una cisterna di ipoclorito di sodio, paura a Brescia. E’ accaduto nella serata di ieri, giovedì 3 settembre 2020, quando alle 21,36 una squadra del Comando dei Vigili del Fuoco di Brescia, coadiuvata da una squadra Nbcr, è intervenuta in città per il collasso di una cisterna di ipoclorito di sodio diluito al 15%, che ha coinvolto anche una abitazione nei pressi della ditta.

L’intervento

I Vigili del Fuoco, dotati di protezioni specifiche per il rischio chimico, hanno messo in sicurezza l’area facendo evacuare diverse persone; successivamente con l’ausilio di pompe specifiche hanno travasato il prodotto chimico mettendo l’area in sicurezza: fortunatamente non si registrano feriti. Sul posto presente anche la Polizia Locali. A partire da oggi i rilievi per capire cosa possa aver portato al pericoloso collasso della cisterna di ipoclorito di sodio che con minor fortuna avrebbe potuto contaminare chimicamente l’area. Fondamentale il lavoro svolto dalle forze dell’ordine.

I danni da ipoclorito

L’ipoclorito di sodio è stato recentemente tema d’attualità in quanto in piena emergenza coronavirus il Ministero per la Salute ne aveva suggerito l’utilizzo per la sanificazione delle strade, incontrando però il parere fortemente negativo da parte di Arpa Piemonte che in una relazione dettagliata aveva spiegato i danni che l’ipoclorito di sodio (specie in soluzione ad alta percentuale) può causare all’uomo e all’ambiente.

«Non vi è evidenza che spruzzare ipoclorito di sodio all’aperto, massivamente, sui manti stradali, possa avere efficacia per il contrasto alla diffusione del CODIV-19 dal momento che le pavimentazioni esterne non consentono interazione con le vie di trasmissione umana – aveva spiegato Arpa -. L’ipoclorito di sodio, componente principale della candeggina, è sostanza inquinante che potrà nel tempo contaminare le acque di falda, direttamente o attraverso i suoi prodotti di degradazione».

Si torna a sottolineare quanto sia stata fondamentale l’azione delle forze dell’ordine questa notte a Brescia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia