cordoglio

Chiari piange la scomparsa di Mauro Cucchi

Si è spento a 47 anni dopo tante lotte. Immenso affetto è stato dimostrato alla famiglia.

Chiari piange la scomparsa di Mauro Cucchi
Bassa, 25 Settembre 2020 ore 16:18

Chiari piange la scomparsa di Cucchi, si è spento a 47 anni dopo tante lotte. A prendersi cura di lui fino alla fine è stato il papà che lo trasportava con la «famosa» auto rossa.

Chiari piange la scomparsa di Cucchi

Ci sono persone, anime pure, che lasciano il segno. Mauro Cucchi è una di queste. Il clarense, dopo aver combattuto tantissime guerre nel corso della sua vita, si è spento domenica a 47 anni. La notizia della sua scomparsa si è diffusa molto rapidamente e l’intera città è rimasta colpita dal lutto. Cucchi, infatti, era cresciuto tra le mura dell’oratorio e aveva anche lavorato in ospedale. La simpatia, la solarità e la voglia di non arrendersi, nonostante le immense difficoltà, lo avevano sempre contraddistinto.

La sua, infatti, non è per nulla stata una vita semplice. A soli 16 anni era stato colpito da un infarto, ma se fortunatamente da quello si era ripreso, crescendo è stato colpito da diversi ictus e, piano piano, la malattia lo ha costretto alla sedia a rotelle e gli ha tolto l’uso della parola. Mauro però non si è mai dato per vinto. Ha sempre cercato di farsi capire e di essere presente. Ancora oggi, a Chiari, era immediatamente riconoscibile. Con il papà Pietro era solito a girare con l’apposito furgoncino rosso, adatto al suo trasporto e a quello della carrozzina. Proprio il papà, insieme alla mamma venuta a mancare diversi anni fa, si è sempre presa cura di lui e non gli ha fatto mancare niente. Altra figura fondamentale nella vita del 47enne è stato il fratello Daniele Cucchi. «E’ stato bello, in un momento difficile, sapere quante persone hanno espresso una buona parola per la nostra famiglia e per Mauro», ha spiegato.

Da quando era andato in pensione, non senza una piccola festa, Mauro si era dedicato (fin quando ha potuto) alla passione per le armi e i coltelli antichi, Non ne possedeva, ma apprezzava il loro studio tramite libri e riviste.
L’emergenza Coronoavirus, grazie all’aiuto della famiglia, è stata ben gestita e non ha aggravato la situazione, ma purtroppo per Mauro, domenica, non c’è stato più niente da fare. Si è spento lasciando un ottimo ricordo e tanto affetto a chi lo ha conosciuto.
«Una piccola cosa sul mio adorato cugino la voglio dire anch’io – ha invece specificato Monica – Nonostante tutte le tribolazioni che ha dovuto affrontare era sempre sorridente, solare con un anima bella, vera. Grazie». L’ultimo saluto a Mauro è stato dato martedì mattina nella chiesa di Santa Maria.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia