Stefano Sala nella bufera

Candidato sindaco inneggia al fascismo su Facebook

Il primo cittadino proposto da Vivere Capriano e Fenili, una civica appoggiata dalla Lega, beve in tazze con l'effigie del Duce e vorrebbe fare una nuova marcia su Roma.

Candidato sindaco inneggia al fascismo su Facebook
22 Agosto 2020 ore 19:00

Candidato sindaco inneggia al fascismo su Facebook. E’ scoppiata la bufera su Stefano Sala, candidato primo cittadino della lista Vivere Capriano e Fenili, una civica appoggiata dalla Lega. La denuncia arriva dall’Anpi di Brescia.

Candidato sindaco inneggia al fascismo su Facebook

Il caso è esploso a poche ore dalla deposizione delle liste per le elezioni Amministrative di settembre. Sala si sarebbe lasciato andare a esternazioni e comportamenti inneggianti al fascismo. A partire dallo scorso aprile, quando ha postato su Facebook un suo “pensiero” sul XXV Aprile: “Ho letto che palazzo Chigi ha autorizzato, seppur con le dovute precauzioni, i festeggiamenti per il 25 Aprile. Visto il modus operandi del Governo ritengo che la canzone adatta per il flash mob sui balconi sia: Battaglioni, non Bella ciao” (l’inno dell’unità d’élite del fascismo, a dir poco antisemita). Ma ha anche postato foto dove beveva da tazze con l’effigie di Mussolini che fa il saluto romano e post dove ha espresso di “rimpiangere il fascismo”, arrivando persino a proporre “una nuova marcia su Roma”.

Tutte frasi che hanno spinto l’Anpi bresciana a rivolgersi alla Prefettura e anche a Matteo Salvini, segretario del Carroccio, chiedendogli di chiarire una volta per tutte la sua posizione.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia