Brescia città più inquinata d'Italia secondo il rapporto Ispra

Alberti, M5S: "Brescia è una camera a gas".

Brescia città più inquinata d'Italia secondo il rapporto Ispra
Brescia, 19 Dicembre 2018 ore 15:22

Fra le 120 città e 14 aree metropolitane prese in considerazione dal Rapporto Ispra presentato oggi, 19 dicembre, a Roma, Brescia si aggiudicata la maglia nera.

Brescia città più inquinata

Brescia ha superato la capitale, Milano e tutte le altre città d'Italia in fatto di inquinamento. Al 10 dicembre risulta infatti che abbia superato per 87 volte valori di pm10 oltre la norma. Dopo Brescia si sono piazzate Torino seguita da Lodi con 69 giorni di superamento dei limiti di legge.

LEGGI ANCHE: Ambiente e qualità dell'aria a Lonato, parte una campagna di sensibilizzazione

Le prime reazioni

Per Dino Alberti, consigliere regionale bresciano del Movimento 5 Stelle, la situazione è tragica:

Brescia è una camera a gas, 87 giorni di sforamento delle PM10 sono una vergogna.

La Regione Lombardia e il Comune non solo sottovalutano il problema, se ne stanno con le mani in mano. I tavoli di confronto e i piani aria se non sono supportati da ingenti risorse servono a poco o nulla e in questo caso le risorse messe a disposizione per migliorare la qualità dell’aria non esistono.

Serve una visione a lungo termine e un cambio di paradigma con controlli veri sui divieti soprattutto su impianti energetici e produttivi nonché ingenti investimenti sul trasporto pubblico e non autorizzare arbitrari aumenti del costo del biglietto, rischio evitato solo ieri dopo le nostre proteste su un emendamento a prima firma Caparini, poi ritirato. Serve un grande piano di mobilità elettrica e sostenibile e, ancora, sull’efficientamento energetico degli edifici. Va ridiscusso il modello bresciano fondato sulla combustione centralizzata di rifiuti e carbone per riscaldare abitazioni e uffici.

Va fatta una seria campagna di formazione e informazione sui danni causati dalle stufe e camini a legna inefficienti perché si possa arrivare alla definitiva messa al bando degli impianti più vetusti.

Necrologie