Cronaca
Caccia ai bracconieri

Bracconaggio in provincia di Brescia, cacciatori bucano le gomme dell'auto delle Guardie WWF

Nel passato erano stati sabotati i freni della vettura di servizio.

Bracconaggio in provincia di Brescia, cacciatori bucano le gomme dell'auto delle Guardie WWF
Cronaca Brescia, 02 Novembre 2021 ore 14:03

Dopo le denunce record del 17 ottobre 2021, giornata nella quale sono stati denunciati in poche ore 9 cacciatori nella bassa bresciana, altri 13 cacciatori sono stati sorpresi negli ultimi giorni dalle Guardie WWF mentre abbattevano uccelli protetti o utilizzavano richiami acustici vietati.

Denunce e sequestri

L’attività di vigilanza ha così portato al sequestro di 12 fucili, 6 richiami acustici e circa 100 esemplari di fauna protetta. Da inizio anno sono 39 i cacciatori denunciati, 37 i fucili sequestrati e 27 i richiami acustici di cui è sempre disposta la confisca. Tutte le attività sono stare svolte in collaborazione con la Polizia Provinciale di Brescia e i Carabinieri Forestale. Non sono ovviamente mancate anche violazioni amministrative, quasi sempre per la mancata annotazione della fauna abbattuta.

Bucati gli pneumatici della vettura delle Guardie WWf

Domenica 31 ottobre due cacciatori nel Comune di Calvagese della Riviera hanno abbattuto ben 37 esemplari di fauna protetta; le Guardie WWF tornate alla vettura hanno scoperto che tutti e quattro gli pneumatici erano stati bucati. Non si tratta di un atto isolato: nel passato erano stati sabotati i freni della vettura di servizio in località Prati di Lumezzane e danneggiata la vettura nel Comune di Rovato.

Bracconaggio Brescia

Escamotage per fuggire ai controlli

Uno dei cacciatori denunciati a Calvagese utilizzava un berretto con “doppio fondo” in cui occultava la fauna protetta uccisa: la dimensione abnorme del copricapo ha attirato l’attenzione delle Guardie ed il cacciatore ha ammesso di nascondere lì gli uccelli.

Un fenomeno fuori controllo

Il bracconaggio in Provincia di Brescia è un’emergenza nazionale ed internazionale, un fenomeno dalle dimensioni spropositate che non si riesce ad arginare per uno squilibrio numerico tra coloro che regolarmente commettono reati e le forze preposte ai controlli. In questo quadro preoccupante appaiono fuori luogo i continui attacchi all’operato delle Forze dell’Ordine da parte del mondo venatorio.

Soluzioni

Appare necessario dare piena attuazione al Piano Nazionale Antibracconaggio: a tre anni dalla previsione del COLPA (Coordinamento Operativo Locale Permanente Antibracconaggio) per il black-spot Prealpi Lombardo Venete non ne è scaturita una maggiore attività di prevenzione e repressione del bracconaggio; in larga parte della provincia di Brescia la vigilanza è scarsa o assente. Basti pensare al numero dei soli appostamenti fissi di caccia (7.200 nel più recente censimento) talmente numerosi che la maggior parte non riceve nessun controllo.

Operazione Pettirosso

È pertanto evidente che l’Operazione Pettirosso dei Carabinieri Forestale del Soarda (Sezione Operativa Antibracconaggio e Reati in Danno agli Animali) è l’unica attività capace di scardinare il bracconaggio in Provincia di Brescia anche per la dedizione e preparazione dei militari impiegati; troppo limitate appaiono infatti le capacità delle forze territoriali con personale insufficiente e oberato da tutte le altre emergenze ambientali. Per questo motivo il WWF chiederà che l’Operazione Pettirosso possa essere estesa alla durata di almeno due mesi in concomitanza col picco della stagione migratoria. I risultati ottenuti in questi giorni dalle Guardie Volontarie delle associazioni ambientaliste in Lombardia dimostrano che anche nel mese di novembre è cruciale difendere gli uccelli migratori dalla caccia fuorilegge.

Appello ai cittadini

Si invitano i cittadini a segnalare eventuali animali selvatici in difficoltà e casi di caccia illegale al numero antibracconaggio 3287308288, o tramite la pagina Facebook www.facebook.com/guardiewwflombardia.

Necrologie