Menu
Cerca
Luci Lilla

Berlingo si colora per aderire alla Giornata Nazionale per la lotta a bulimia e anoressia

Il sindaco Conforti: “A questi giovani abbiamo voluto far sapere che noi ci siamo”.

Berlingo si colora per aderire alla Giornata Nazionale per la lotta a bulimia e anoressia
Cronaca Bassa, 16 Marzo 2021 ore 17:19

Il Municipio si è colorato di lilla per aderire alla Giornata Nazionale per la lotta a bulimia eanoressia. Sul fenomeno adolescenziale si è espresso il sindaco Conforti: “A questi giovani abbiamo voluto far sapere che noi ci siamo”.

Giornata Nazionale per la lotta a bulimia e anoressia

Continua l’opera di sensibilizzazione del Comune di Berlingo nei confronti della cittadinanza su tematiche di stretta attualità. Dopo l’adesione, lo scorso novembre, a tre distinte campagne, quella promossa per la lotta al tumore al pancreas, quella contro la violenza sulle donne e quella in contrasto al diabete, la Giunta Conforti è tornata a porre l’accento su un fenomeno dai contorni preoccupanti, soprattutto tra i giovani: i disturbi del comportamento alimentare che, solo in Italia interessano due milioni e mezzo di adolescenti

L’occasione è caduta lo scorso 15 marzo, data scelta per la Giornata Nazionale promossa da Anci e Never Give Up Onlus da tre anni a questa parte. Un’iniziativa congiunta tra l’Associazione Nazionale Comuni Italiani e l’Associazione che si occupa di bulimia e anoressia, per sostenere la Campagna denominata “Fiocchetto Lilla”, per aderire alla quale, durante la sera del 15 marzo, l’Amministrazione di Berlingo ha deciso di illuminare di lilla il luogo simbolo del comune: il Municipio.

L’intervento del sindaco

“Il nostro ha voluto essere un segnale forte per far capire che non bisogna mai abbassare la guardia su tematiche tanto delicate come queste, soprattutto in questo periodo di grandi difficoltà legate all’emergenza Covid-19, che hanno contribuito, purtroppo, ad esasperare certi fenomeni. Con l’adesione a questa campagna abbiamo voluto far sapere a tutti i ragazzi interessati da vicino da bulimia o anoressia, e alle loro famiglie, che noi ci siamo”, ha spiegato il sindaco Fausto Conforti.

Necrologie