Avviato l’iter per il nuovo Piano delle Cave Provinciale

Al via l'iter per il nuovo Piano Provinciale per la regolamentazione delle Cave. L'inizio del piano è stato approvato oggi dal Presidente della Provincia Mottinelli

Avviato l’iter per il nuovo Piano delle Cave Provinciale
Brescia, 29 Ottobre 2018 ore 14:13

E’ stato avviato oggi ufficialmente dal Presidente della Provincia l’iter procedimentale per la redazione del nuovo Piano delle Cave per i Settori di Sabbia e Ghiaia e Argilla.

Il punto di partenza

Il primo obiettivo, definito in seguito alle ricognizioni effettuate dalla Provincia con i Comuni, le imprese del settore e con la collaborazione con l’Università degli Studi di Brescia, sarà di realizzare una prima ipotesi di fabbisogno estrattivo provinciale, in modo da poter inquadrare la proposta di piano all’interno dei criteri che il Consiglio provinciale nel 2017 ha deliberato. E’ stato dunque avviato il procedimento di approvazione del nuovo piano con l’avvio della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), in modo raccordato e integrato con la procedura di Valutazione di Incidenza (VIC).

Cosa è cambiato

A differenza del passato Piano Provinciale, che aveva previsto la realizzazione di aree estrattive per circa 70 milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia, la base di calcolo per il dimensionamento del nuovo piano si attesterà su un area da non più di 44 milioni di metri cubi, cui dovranno essere ulteriormente sottratti, in corso d’opera, i volumi derivanti dall’utilizzo di materiali alternativi a quelli naturali.

Parla il presidente Mottinelli

“Dal 2015 stiamo svolgendo un’attività di ricognizione finalizzata alla definizione dei fabbisogni di materiale attraverso gli incontri organizzati in Broletto con i Comuni interessati, gli operatori del settore e le associazioni di categoria – ha dichiarato il presidente della Provincia di Brescia Pier Luigi Mottinelli – In sinergia con l’Università di Brescia abbiamo raccolto dati per stimare il fabbisogno dei materiali da estrarre, con riferimento alla stima dell’utilizzo di inerti del decennio precedente, tenendo conto dell’andamento attuale del mercato”.

 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve