Menu
Cerca

Avvelenare i cani per fare razzia in casa?

Avvelenare i cani per fare razzia in casa?
Cronaca 06 Aprile 2017 ore 16:29

Dal Lago di Garda alla Valsabbia, torna l'allarme delle esche avvelenate. Da Bedizzole a Gavardo e Moniga, ma anche nella Bassa Bresciana. Altri cani sono stati vittime di avvelenamenti mirati. L'ipotesi che si sta facendo strada è che questi avvelenamenti siano strettamente collegati con furti in abitazione.

Decine i cani già avvelenati, molti non sono riusciti a sopravvivere alle massicce dosi di esche mortali, contenenti pesticidi e altri prodotti tossici.

Diversi i casi già segnalati a Bedizzole, Lonato, Moniga. Massima attenzione quindi ai proprietari di cani, soprattutto se lasciati liberi in giardino e in particolare nelle ore di assenza dei proprietari stessi.

Si raccomanda la massima allerta, informando la cittadinanza con una nota affinché i possessori di cani possano prestare particolare attenzione, onde evitare il rischio di avvelenamento. In provincia i casi non diminuiscono, ma al contrario, i comandi di polizia locale della zona del Garda e della Bassa, hanno registrato diversi episodi e ritrovamenti di esche sospette, nonchè denunce mirate ma contro ignoti perchè spesso vengono lasciate in zone pubbliche quali parchi e aree verdi.

Da confondere gli avvelenamenti per "intolleranza" nei confronti degli amici a quattro zampe, da quelli invece mirati, con l'obiettivo di silenziare i cani che per loro natura sono portati a proteggere la propria abitazione.


Necrologie