Asola, storia d’amore con furto

Asola, storia d’amore con furto
02 Luglio 2016 ore 12:11

Una soap opera nell’alto mantoano. No, non si tratta di un nuova location per girare un centinaio di puntate di qualche telenovela. La vicenda è reale, ma ha assunto i caratteri delle infinite mini serie che di solito appasionano migliaia di telespettatori. Il palcoscenico in cui si sono verificati i fatti è Asola, dove due imputati sono finiti alla sbarra. Si tratta di Laurentiu Porosnicu e la sorella Adriana Sava. I due giovani rumeni sono stati denunciati da una donna di Asola, sentita ieri in aula dal giudice Ilaria Rosati, pm Lidia Anghinoni, di minacce e furto aggravato.

In sostanza la donna di Asola, una colf, sposata, ha raccontato di aver avuto una relazione clandestina con il giovane romeno, ma di averla troncata dopo aver scoperto che lui, ad ogni incontro amoroso, di nascosto le rubava dei soldi. E di essere anche stata costretta a rivelare la liaison al marito, perché amante e sorella in combutta minacciavano di farlo al suo posto. I fatti, però, sono tutti da dimostrare. Come ogni “soap opera” che si rispetti sono attesi i colpi di scena e l’ultima udienza è stata fissata al 14 luglio.


Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia