Crisi Gdo

Alco chiude temporaneamente tutti i punti vendita

I supermercati a marchio Despar ed Eurospar entro questo fine settimana abbasseranno la serranda.

Alco chiude temporaneamente tutti i punti vendita
Cronaca Sebino e Franciacorta, 25 Marzo 2021 ore 16:29

Due settimane fa, nel corso di un vertice in Prefettura, i rappresentanti del Gruppo Alco hanno comunicato la chiusura provvisoria di tutti i punti vendita a marchio Altasfera (incluso Rovato) e di quattro supermercati (Despar di Capriolo, Lograto, Lodrino e Bergamo). Martedì, nel corso di un’altra riunione con i sindacati, è arrivato il colpo di scena: entro questo fine settimana tutti i punti vendita a marchio Despar ed Eurospar abbasseranno (sempre temporaneamente) la serranda, esclusi i tre Interspar (Rovato, Chiari e Orzivecchi), per i quali la chiusura è rinviata, ma solo di qualche giorno.

Alco chiude temporaneamente tutti i punti vendita

"Entro la fine di questa settimana i supermercati facenti capo a L’Alco spa chiuderanno in via temporanea come avvenuto per i cash&carry - hanno annunciato Luca Di Natale (Filcams Cgil), Paolo Tempini (Fisascat Cisl) e Angelo Albanese (Uitucs Uil) - Gli unici punti vendita che rimarranno aperti, presumibilmente fino a fine mese, sono i tre negozi della Gestione Centri Commerciali per lo smaltimento della merce esistente, poi chiuderanno temporaneamente come gli altri". La notizia dell’imminente chiusura è piombata sui dipendenti e sui responsabili dei negozi in un contesto di grande incertezza. Quello che fa più male ai lavoratori, oltre ovviamente alla prospettiva di perdere l’occupazione, è la totale mancanza di comunicazione che si trascina ormai da tempo, nonostante le ripetute richieste e sollecitazioni avanzate dai sindacati.
Il prossimo passo per le organizzazioni sindacali sarà concordare un nuovo ammortizzatore sociale per i dipendenti.

Chiesto il concordato anche per Alco spa

La riunione era stata convocata con l’obiettivo di avviare la discussione sugli ammortizzatori sociali in scadenza a fine mese e sul loro rinnovo, ma sul tavolo c’era anche il tema delle presentazioni delle richieste di concordato preventivo in bianco per le tre società. "L’Alco Grandi Magazzini ha presentato la domanda di concordato il 9 marzo, mentre L’Alco spa ha depositato richiesta il 20 marzo - hanno spiegato i rappresentanti sindacali - La Gestione Centri Commerciali Spa dovrebbe seguire la stessa sorte entro la fine di marzo". Per quanto riguarda le prospettive future e l’interesse di due realtà con marchio diffuso sul territorio nazionale che era emerso sempre nell’ultimo vertice in Prefettura, il gruppo ha evidenziato che "le trattative di cessione, proseguono e che potrebbero esserci dei risvolti nei prossimi giorni". Sull’argomento le organizzazioni sindacali hanno nuovamente sollecitato "i dati aggiornati riguardanti i livelli occupazionali e se le trattative di cessione prevedono il mantenimento degli stessi". I rappresentanti sindacali hanno ribadito che il livello di attenzione resta alto. "Nei prossimi giorni effettueremo nuovi incontri, al fine di tenere monitorata la situazione in continua evoluzione nonché l’iter delle richieste di concordato", hanno assicurato.

Necrologie