Cronaca

Al Comune un regalo dal 1700: la lapide dei Martinengo

Al Comune un regalo dal 1700: la lapide dei Martinengo
Cronaca Bassa, 26 Settembre 2021 ore 13:35

Donata al Comune di Orzivecchi una preziosa lapide in marmo risalente al 1700.

Una lapide del 1700 al Comune

Un tesoro nascosto dal valore inestimabile che adesso è nelle mani del Comune e che sarà esposto a tutti gli orceani che vorranno vederlo.
Una sorpresa gradita, quella che è arrivata l’altro giorno: il Comune di Orzivecchi è stato contattato nei giorni scorsi dalla concittadina Maria Grazia Botturi, che ha esternato la sua volontà, unitamente alla sorella Alida residente a Desenzano del Garda, e agli eredi della defunta sorella Monica che risiedeva a Soresina, di donare al Comune una preziosa lapide in marmo risalente all’anno 1708.
Una lapide che era stata apposta proprio sulla facciata del fabbricato in largo Martinengo, di proprietà delle donatrici.
La ristrutturazione dell'edificio, avvenuta negli anni ‘60 e successiva ad altri interventi, ha conservato solo questa importante testimonianza dell'antico fulgore: secondo gli approfondimenti storici dell’ingegnere Sandro Guerini, profondo conoscitore della materia, la lapide riporta la seguente iscrizione in latino: «Questa casa il Conte Carlo Martinengo Cesaresco figlio del fu Conte Cesare con il favore di Dio dalle fondamenta innalzò e decorò nell'anno del Signore 1708».

Un reperto storico che apparteneva ai Martinengo.

Secondo la ricostruzione degli storici quindi, la targa campeggiava sul prospetto di un fabbricato dalle linee semplici, ma ben proporzionate, che si inserì nel 1708 a metà del perimetro orientale di quello che anticamente era l'isolato del Castello Martinengo Cesaresco all'interno del nucleo storico di Orzivecchi, la cui iscrizione costituiva un elemento decorativo al centro della facciata e probabilmente dialogava con finte cornici architettoniche, dipinte intorno alle aperture: il testo allude infatti a decorazioni che dovevano svilupparsi sia all'interno che all'esterno del palazzetto.
La lapide quindi costituisce una preziosa testimonianza storica all’interno di un contesto urbanistico del quale fa parte anche la residenza municipale, già proprietà dei feudatari conti Martinengo Cesaresco.
L’Amministrazione ha quindi deciso di accettare la donazione.
«Alcuni giorni fa la Giunta del Comune di Orzivecchi, da me presieduta, ha accettato la donazione di una preziosa lapide in marmo risalente all’anno 1708 - ha detto il sindaco Gianluigi Sturla - Tale lapide campeggiava sulla facciata del fabbricato situato in largo Martinengo, di proprietà delle donatrici, e per questo Comune (e per i suoi cittadini) riveste un interesse storico notevole».
Una grande soddisfazione.
La targa è stata esposta in Municipio così che tutti la possano vedere e ammirare, sia storici che affezionati.
Un bel regalo per il quale l’Amministrazione comunale ringrazia di cuore la famiglia.

 

Leggi l'articolo completo su Manerbio Week, in edicola

Necrologie