LA TRUFFA

Acquista un’auto, ma la concessionaria non esiste più

Il venditore si spacciava come rivenditore autorizzato di una concessionaria bresciana

Acquista un’auto, ma la concessionaria non esiste più
Brescia, 07 Ottobre 2020 ore 14:16

Acquista un’auto, ma la concessionaria non esiste più.

Si è conclusa in questi giorni un’attività d’indagine condotta dalla Stazione Carabinieri di Casalmaggiore che ha permesso di denunciare in stato di libertà un soggetto italiano per truffa.

L’acquisto dell’auto

L’indagato è un 40enne di origini bergamasche, che ha posto in vendita sul sito “Autoscout24” in qualità di rivenditore autorizzato di una concessionaria della provincia di Brescia, varie autovetture tra le quali un’Audi Q3, usata, venduta successivamente per 13mila euro ad una 29enne rumena abitante a Casalmaggiore.

Il pagamento

Dopo averla visionata presso la concessionaria e pagato un acconto di 3mila euro a mezzo assegno bancario, successivamente la malcapitata ha saldato il resto della somma richiesta, effettuando un bonifico bancario, presentandosi poi presso la concessionaria alla data stabilita per il ritiro del mezzo.

La concessionaria non esiste più

Qui l’amara sorpresa: giunta nel bergamasco, ha notato che la concessionaria non esisteva più. Lo stabile era stato privato dell’insegna e si presentava spoglio degli arredi e senza più veicoli in esposizione, con il venditore che ovviamente si era reso irreperibile divenendo un fantasma, così come la sua attività commerciale.

Rintracciato e denunciato il venditore

Le verifiche condotte dall’Arma di Casalmaggiore hanno comunque consentito di dargli un nome e un cognome e questo grazie a controlli incrociati sull’intestatario del mezzo in vendita e sull’intestatario del conto corrente bancario sul quale era confluita la somma pagata dalla vittima, risultati essere intestati al commerciante residente in Monza e Brianza. A questo punto nei suoi confronti è scattata la denuncia per truffa.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia