san pietro in lamosa

Accordo “storico” per la gestione unitaria del monastero

Comune, parrocchia, associazione Amici del Monastero e fondazione culturale San Pietro in Lamosa hanno sottoscritto un documento in cui si impegnano a coordinare il complesso come un unicum

Accordo “storico” per la gestione unitaria del monastero
Sebino e Franciacorta, 09 Luglio 2020 ore 17:55

Si tratta di una svolta che elimina qualsiasi dubbio e consente una migliore fruizione dell’area cluniacense.

Accordo “storico” per la gestione unitaria del monastero

“Il visitatore potrà così godere dell’intero complesso, che presenta caratteristiche legate alle diverse epoche di costruzione – ha spiegato il presidente della fondazione culturale San Pietro in Lamosa, Giancarlo Onger – Il complesso è un unicum riconosciuto dalla Sovrintendenza dei Beni culturali in quanto nella chiesa sono presenti le caratteristiche delle diverse fasi evolutive della storia dell’architettura. L’obiettivo è quindi una sempre più marcata gestione congiunta da parte delle istituzioni e delle associazioni interessate del monastero per le parti non di proprietà privata. Il visitatore potrà quindi cogliere il complesso tramite un approccio olistico, che prevede l’integrazione della parte laica e di quella religiosa, pur nella distinzione delle loro finalità”.

Si tratta del primo accordo in circa quarant’anni per la gestione integrata del monastero. Il complesso, infatti, è di proprietà del Comune per quanto concerne la disciplina, il chiostro, la sala Bettini e la piccionaia, mentre è della parrocchia per quanto riguarda la chiesa e la cappella cimiteriale.

Leggi il servizio completo sul numero di Chiariweek in edicola domani, venerdì.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia