Attualità
Cyberbullismo

Valerio, poliziotto ad honorem sale in cattedra contro il bullismo insieme alla Polizia di Stato

In collegamento da Latina ha incontrato gli studenti dell'Istituto Superiore G.Perlasca di Vobarno.

Valerio, poliziotto ad honorem sale in cattedra contro il bullismo insieme alla Polizia di Stato
Attualità Brescia, 13 Dicembre 2021 ore 13:51

Un incontro emozionante per gli studenti di Vobrano.

Un vero esempio

Sabato mattina (sabato 11 dicembre ) Valerio Catoia  in collegamento da Latina, al fianco di papà Giovanni, si è presentato agli alunni dell’Istituto Superiore Perlasca: 21 anni, un ragazzo speciale, nominato Alfiere della Repubblica dal Presidente Sergio Mattarella e poliziotto ad honorem “per avere dato prova di grande forza, coraggio e generosità”.
Non a caso indossa il cappellino della Polizia di Stato. È lui il testimonial di NoBullyZone, progetto di prevenzione e contrasto al bullismo realizzato dal Perlasca e che coinvolge anche la Questura di Brescia.

Web e consapevolezza

A introdurre Valerio c’è Domenico Geracitano: la condivisione di un uso consapevole del web passa proprio dalla storia di Valerio. Dalla sua nascita con un disturbo cromosomico, dal terrore che aveva dell’acqua ogni volta che andava nella piscina comunale di Latina, al giorno in cui suo padre disse basta. Eccola, l’importanza dei "no" degli adulti per educare i ragazzi. Per fare in modo che ascoltino, conoscano e siano liberi di trasformare un sentimento come la rabbia in forza. Come ha fatto Valerio, esempio per le nuove generazioni. Quando aveva 17 anni, non ha esitato a tuffarsi in mare per portare in salvo una bambina che rischiava di annegare a largo della Bufalara, a Sabaudia.

Il confronto con gli haters

In quell’occasione, però, è successo qualcosa di paradossale: se la maggior parte delle persone lo ha ricoperto di complimenti, riconoscendo il suo coraggio e la sua determinazione, un gruppo di haters si è scatenato contro di lui in Rete, indirizzandogli una serie di incredibili insulti e offese. Valerio non si è scomposto e, seguendo il consiglio dei familiari, ha deciso di denunciare il gruppo alla Polizia Postale.

Attività di sensibilizzazione

Il presidente Sergio Mattarella gli ha conferito il titolo di Alfiere della Repubblica per l’impegno civile, e lo scorso 29 settembre al Parco archeologico del Colosseo a Roma, Valerio ha ricevuto un altro tributo a cui tiene molto, gli è stato sarà attribuito il titolo di “poliziotto ad honorem”. Sabato , ancora una volta, Valerio ha saputo distinguersi con il suo impegno, sensibilizzando i giovani a prevenire episodi di violenza, vessazione, diffamazione, molestie online, attraverso un’opera di responsabilizzazione in merito all’uso della parola stimolando, gli studenti a lanciare il loro messaggio positivo per spegnere il cyberbullismo ed accendere la cultura della legalità.

Necrologie