Attualità
Sanità

Vaiolo delle scimmie, agli Spedali Civili prendono il via le vaccinazioni

Tutto quello che serve sapere.

Vaiolo delle scimmie, agli Spedali Civili prendono il via le vaccinazioni
Attualità Brescia, 10 Agosto 2022 ore 16:59

Sono in arrivo all’ASST Spedali Civili le prime 100 dosi di vaccino contro il Vaiolo delle Scimmie.

Come fare

Da oggi (mercoledì 10 agosto 2022), per i cittadini interessati, è possibile prenotarsi sul portale di Regione Lombardia per la vaccinazione contro il Vaiolo per le Scimmie https://prenotasalute.regione.lombardia.it, inserendo il codice fiscale e numero di tessera sanitaria, scegliendo “Brescia” nell’elenco dei centri che erogano la vaccinazione. Il cittadino riceverà la convocazione presso l’ASST, per sottoporsi alla visita anamnestica e alla eventuale vaccinazione

A chi è destinato il vaccino

Sono in totale 2000 le dosi di vaccino Jynneos (MVA-BN) che il Ministero della Salute ha assegnato alla nostra Regione, destinate prioritariamente alle categorie più a rischio, individuate dallo stesso ministero, sulla base delle indicazioni dell’OMS:

"persone gay, transgender, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM), che rientrano nei seguenti criteri di rischio:

·       storia recente (ultimi 3 mesi) con più partner sessuali; e/o

·       partecipazione a eventi di sesso di gruppo; e/o

·       partecipazione a incontri sessuali in locali/club/cruising/saune; e/o

·       recente infezione sessualmente trasmessa (almeno un episodio nell'ultimo anno); e/o

·       abitudine alla pratica di associare gli atti sessuali al consumo di droghe chimiche (Chemsex).”

 

La prenotazione non dà automaticamente diritto alla somministrazione della dose di vaccino: prima della vaccinazione è previsto un colloquio con un Medico Vaccinatore, figura di riferimento che valuterà l’effettiva necessità della somministrazione e l’assenza di controindicazioni alla vaccinazione in base al livello di rischio identificato, come prevede la circolare del ministero della Salute inviata alle Regioni. Avere già ricevuto una vaccinazione contro il Vaiolo è considerata una condizione di esclusione e indicativamente saranno accettati solo i vaccinandi con meno di 45 anni. La strategia di offerta vaccinale a favore di ulteriori gruppi target potrà essere successivamente aggiornata sulla base dell’andamento epidemiologico e della disponibilità di vaccino.

ASST Spedali Civili si conferma punto di riferimento per la lotta alle malattie infettive, attivandosi in tempi rapidi per offrire un nuovo servizio di vaccinazione alla popolazione, garantendo i servizi già attivi.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie