Menu
Cerca
VACCINAZIONE

Vaccinazioni, record di adesioni nella fascia 50-59 anni: in 24 ore fissati 450mila appuntamenti

Quasi un terzo degli aventi diritto del target 50-59 anni ha già un appuntamento per la prima somministrazione.

Vaccinazioni, record di adesioni nella fascia 50-59 anni: in 24 ore fissati 450mila appuntamenti
Attualità Brescia, 11 Maggio 2021 ore 09:21

“Risultato straordinario con numeri da record. Circa 450mila appuntamenti in meno di 24 ore per la fascia 50-59”: è il commento del Presidente Fontana nella prima giornata di adesioni alle vaccinazioni per gli over 50. Ieri infatti allo scoccar della mezzanotte si è aperta la campagna vaccinale per i 50-59enni e c’è stato un boom di prenotazioni.

Adesioni fascia 50-59, è record

“Un risultato straordinario: in meno di 24 ore hanno già prenotato e fissato un appuntamento circa 450.000 cittadini”.

Lo fa sapere il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, illustrando – relativamente alla fascia 50-59 anni – quello che lui stesso definisce un “risultato record per una regione che continua a rispondere in maniera pronta e decisa all’appello di vaccinarsi. Mi complimento con tutti coloro che permettono questo risultato e ai lombardi dico ‘avanti così’”.

In pratica quasi 1/3 degli aventi diritto del target 50-59 anni ha già un appuntamento per la prima somministrazione.

Superato i 4milioni di somministrazioni

“Ricordo anche – continua Fontana – che abbiamo abbondantemente superato i 4 milioni di dosi somministrate e oltre 1 milione (1.118.992) di lombardi (il 10% dei residenti) ha completato il ciclo vaccinale con prima e seconda dose”.

“Speriamo che presto l’Europa – conclude Fontana – riesca a garantirci più dosi affinché i nostri hub possano lavorare al massimo delle proprie potenzialità”.

Allungati i tempi per i richiami di Pfizer e Moderna

Fontana ha poi commentato anche la circolare emessa dal Ministero della Salute dopo la decisione del Cts di allungare i tempi del richiamo per coloro che hanno ricevuto la prima dose di Pfizer e Moderna.

“A partire venerdì 7 maggio dunque – ha aggiunto – gli appuntamenti per la seconda dose di Pfizer e Moderna saranno fissati nella sesta settimana (35-42 giorni) e non più a 21 o 28. Nulla cambia per coloro ai quali è già stata somministrata la prima dose e hanno già l’appuntamento per il richiamo. In questo modo potremo coinvolgere almeno con la prima dose un numero maggiore di persone”.

Necrologie