Attualità
grande festa a iseo

Una settimana di celebrazioni con i nonni per il ventennale della Rsa Cacciamatta

Importante traguardo per la Casa di riposo di via Per Rovato, alla cui guida c’è il nuovo direttore generale Andrea Sciotti

Una settimana di celebrazioni con i nonni per il ventennale della Rsa Cacciamatta
Attualità Sebino e Franciacorta, 01 Ottobre 2021 ore 09:37

Venti anni di storia, di impegno e servizio per la salute e il benessere degli anziani e non solo. La Rsa Cacciamatta di Iseo celebra il suo ventennale di fondazione con una settimana ricca di eventi dedicati in primis ai suoi ospiti e a tutto lo staff, che soprattutto in questo anno e mezzo di pandemia ha superato i mesi più bui del Covid senza mai perdere il sorriso e la volontà di fare bene per i nonni.

Una settimana di celebrazioni per il ventennale della Cacciamatta

La Rsa della fondazione Cacciamatta, presieduta fin dalla nascita nel 2001 da Angelo Zinelli, affonda le sue radici ben più lontano, quando nel 1846 don Ambrogio Cacciamatta destinò il proprio patrimonio immobiliare a sostegno della popolazione indigente e priva di tutela sanitaria. Proprio sui terreni lasciati dal benedettino, infatti, è sorta la Residenza sanitaria per anziani di via Per Rovato, conosciuta da tutti come "la Cacciamatta".

Per festeggiare l’importante traguardo la Casa di riposo, che offre servizi assistenziali, riabilitativi, sanitari e non solo, ha organizzato un fitto programma di appuntamenti.  Martedì gli ospiti sono stati intrattenuti da un pranzo con delitto, mentre mercoledì mattina gli studenti delle classi terze della primaria di Iseo hanno cantato per i nonni alla vetrata della struttura. Con i bambini sono stati anche messi a dimora due ulivi, simbolo dei vent’anni della Rsa e della storica collaborazione instaurata con le scuole del paese.

"Siamo una fondazione che svolge una serie di servizi a favore della popolazione anziana che va dall’autosufficienza alla non autosufficienza, fino ai servizi domiciliari - ha dichiarato il presidente Zinelli - Negli anni abbiamo qualificato la nostra offerta con efficienza e capacità professionale; la prospettiva per il futuro è di fare sempre meglio per dare ulteriori risposte al segmento dell’assistenza e potenziando alcuni servizi. Abbiamo una squadra molto giovane, dal nuovo direttore agli operatori: confidiamo di andare avanti su questa linea".

Il taglio del nastro nel 2001

Questa sera, venerdì, il personale festeggerà con una cena: verrà presentato il nuovo direttore in carica da inizio settembre, il cazzaghese Andrea Sciotti, e i dipendenti storici verranno insigniti con uno speciale riconoscimento. Domani, sabato, non mancheranno un pranzo speciale e la Messa nel pomeriggio per la Festa dei nonni, mentre lunedì mattina i festeggiamenti si chiuderanno alla presenza dei bambini della materna, che canteranno, reciteranno poesie e porteranno ai nonni alcuni disegni.

"E’ un onore essere diventato direttore generale di una realtà come la fondazione Cacciamatta, in particolar modo nell’anno del ventennale dell’inaugurazione della Rsa - ha spiegato Sciotti - Ringrazio tutto il personale che mi ha supportato, mi sta supportando e che ha avuto fiducia in me. L’obiettivo ora è migliorare ancora di più i servizi di eccellenza che offriamo agli ospiti, continuando a essere un punto di riferimento per il territorio. Un ringraziamento anche a Giovanni Marchetti, direttore generale fino al 2019, e a Daniela Resinelli, direttore nel periodo più buio della pandemia, al Cda con i rappresentanti dei sette Comuni e al presidente Zinelli, perché senza di loro la Cacciamatta non sarebbe ciò che è oggi. Sono orgoglioso di quanto fatto dal personale per questi festeggiamenti tramite i quali si cerca di dare sollievo e di allietare i nostri nonni in un periodo difficile e di lontananza dai loro cari".

Da sinistra il nuovo direttore generale Andrea Sciotti e il direttore sanitario, il dottor Diego Misoni, durante la piantumazione dell'ulivo
Necrologie