Attualità
Un bel gesto!

Studenti devolvono al centro clinico quanto raccolto per il tradizionale regalo di fine anno ai professori

Un regalo inaspettato e particolarmente gradito.

Studenti devolvono al centro clinico quanto raccolto per il tradizionale regalo di fine anno ai professori
Attualità 31 Maggio 2022 ore 15:16

Il giardino del Centro Clinico NeMO Brescia, il Centro che si occupa della cura delle malattie neuromuscolari, si è animato ieri pomeriggio (lunedì 30 maggio) di risate e sorrisi portati dagli studenti della Scuola Secondaria A. Venturelli di Gussago.

Un bel gesto

Sì, perché i ragazzi della classe 3° F, con i loro genitori, hanno scelto di ringraziare gli insegnanti al termine del ciclo di studi della scuola media, donando al Centro quanto raccolto per il tradizionale regalo di fine anno ai professori. Un regalo inaspettato, di grande valore simbolico, che ha reso omaggio al viaggio educativo intrapreso tre anni fa e che oggi è diventato un gesto concreto di solidarietà per gli altri.

 

“Abbiamo voluto celebrare la chiusura di questo percorso di studi – così è intervenuta la signora Elisabetta Crescini mamma di Samuele e rappresentate dei genitori della classe – ringraziando gli insegnanti con un pensiero che fosse un punto di partenza per altri ragazzi che, come i nostri figli, sognano grandi progetti per la vita, nonostante la malattia. I nostri ragazzi hanno avuto la fortuna di imparare l’educazione alla solidarietà e all’impegno civico dai loro insegnanti. Il NeMO di Brescia è il giusto destinatario per dire loro grazie”.

Mettersi nei panni dell'altro

Educare all’importanza del bene comune è stato il messaggio che si è respirato al NeMO Brescia. E nello stesso giardino, dove solo due anni fa, nel giorno dell’apertura, è stata inaugurata la giostra per i bimbi completamente accessibile, alla presenza del Sindaco dei ragazzi di Gussago, gli alunni della 3° F hanno compreso cosa significa vivere con patologie invalidanti come la SLA, la SMA e le distrofie muscolari e l’importanza di un luogo come il NeMO per conoscerle sempre di più e meglio e garantire a chi ne è affetto la migliore risposta di cura.

 

“La scelta che avete compiuto e che è racchiusa in questo gesto di solidarietà è molto importante – così ringrazia il Prof. Massimiliano Filosto, Direttore Clinico di NeMO Brescia - Ogni piccola azione ci permette di compiere passi avanti nella conoscenza e nella cura delle patologie neuromuscolari, come tante piccole gocce che formano un mare di speranza per cambiare il futuro di chi vive la malattia. A nome di tutto il team degli operatori ringrazio voi e i vostri genitori per aver avuto questo pensiero e un grazie va ai professori che vi hanno insegnato il valore della condivisione”.

 

Una cerimonia semplice ma intensa, dunque, quella che si è celebrata ieri per la consegna simbolica della donazione e che racchiude in sé il valore di una comunità che continua a prendersi cura del Centro NeMO, trasferendo ai propri giovani la bellezza di un impegno per costruire il bene. Perché se è vero che, come ha insegnato Mandela, l’educazione è l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo, il gesto dei ragazzi della 3° F della Scuola Secondaria Venturelli di Gussago ne è la testimonianza.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie