Attualità
Chiari

Sostegno agli anziani: il Comune e i sindacati hanno firmato l'accordo

L’accordo, che tiene conto anche delle nuove difficoltà emerse dalla crisi pandemica, riguarda gli interventi a favore della popolazione anziana per il triennio 2021–2023 e ripercorre quanto già messo in atto negli anni scorsi e ulteriormente potenziato da parte del Comune.

Sostegno agli anziani: il Comune e i sindacati hanno firmato l'accordo
Attualità Bassa, 09 Novembre 2021 ore 13:26

Un accordo tra Amministrazione e sindacati che mette nero su bianco quanto il Comune sta già facendo da tempo per il mondo della terza età e della fragilità: un modo per suggellare ulteriormermente gli impegni presi, anche alla presenza delle sigle sindacali.

Sostegno agli anziani: il Comune e i sindacati hanno firmato l'accordo

È questo il documento che è stato sottoscritto dall’Amministrazione del sindaco Massimo Vizzardi, rappresentata dall’assessore ai Servizi Sociali, Vittoria Foglia, ed i rappresentanti di SPI–CGIL, FNP–CISL e UILP–UIL.

L’accordo, che tiene conto anche delle nuove difficoltà emerse dalla crisi pandemica, riguarda gli interventi a favore della popolazione anziana per il triennio 2021–2023 e ripercorre quanto già messo in atto negli anni scorsi e ulteriormente potenziato da parte del Comune.
Interventi e iniziative frutto anche del costante percorso di collaborazione tra Ente Locale e Sindacati dei Pensionati – avviato appunto in questi anni attraverso i diversi accordi – che ha portato la concertazione ad essere lo strumento ideale per regolare il sistema delle relazioni tra le parti e per promuovere momenti di incontro e confronto, con l’obiettivo comune di costruire a livello locale un sistema di protezione sociale che sappia rispondere in modo efficace ai bisogni delle persone anziane e delle fasce più deboli.

Nel documento vengono confermate  e potenziate le azioni comunali del Segretariato Sociale finalizzato a erogare sostegno e aiuto personalizzati;  dei servizi domiciliari finalizzati a mantenere l’anziano al proprio domicilio, attraverso azioni di sostegno alle famiglie (come il servizio di Assistenza Domiciliare, i pasti a domicilio e il tele soccorso); nonché il sostegno economico della persona non autosufficiente assistita a domicilio, come i Buoni Sociali e il Voucher Sociale per mezzo del quale è possibile acquistare prestazioni sociali erogate da parte di operatori accreditati per bisogni di carattere assistenziale.

Oltre a ciò, si conferma l’importante collaborazione con l’associazione Il Faro 50.0; senza dimenticare le politiche per il sostegno per l’utilizzo di strutture residenziali (RSA), le politiche abitative (per l'accesso alle abitazioni di edilizia pubblica residenziale ad anziani, disabili e persone indigenti) e in favore di anziani che presentano un reale bisogno di sostegno.
Infine le parti hanno sottolineato l’importanza di utilizzare il metodo di confronto per definire interventi condivisi e di coprogettazione, e la necessità di una  costante opera di comunicazione  attraverso un’informazione puntuale e precisa di tutti questi interventi, in modo che sempre più cittadini anziani possano usufruirne.

«È un fatto che la popolazione over 65 sia in aumento e ciò significa che le Amministrazioni sono sempre più chiamate a sostenere, per quanto possibile, i propri anziani – ha commentato l’assessore ai Servizi Sociali, Vittoria Foglia –. In questo senso, accordi come questo, che includono le parti sociali che si occupano della stessa fascia di cittadini, sono strumenti molto utili per convogliare tutte le forze della società civile verso il comune obiettivo di aiutare chi ha bisogno: analizzando, programmando e agendo di concerto e con tutti gli strumenti a disposizione».

Necrologie