Attualità
Coldiretti Brescia

Rischio diffusione peste suina, la prevenzione al primo posto

Coldiretti ha inoltre evidenziato la necessità di dare il via ad iniziative comuni anche a livello europeo.

Rischio diffusione peste suina, la prevenzione al primo posto
Attualità Brescia, 12 Gennaio 2022 ore 18:03

La prevenzione al centro per fermare la moltiplicazione ormai fuori controllo dei cinghiali ed evitare gravi emergenze sanitarie come quella attuali dopo il rinvenimento di alcune carcasse di cinghiale tra Piemonte e Liguria vettori di Peste Suina Africana.

Rischio diffusione peste suina

È quanto afferma Coldiretti Brescia nel commentare positivamente l’annuncio dell’assessore regionale Fabio Rolfi sull’istituzione di un’unità di crisi promossa da Regione Lombardia coordinata dalla U.O. Veterinaria (DG Welfare) e composta da rappresentanti della DG Agricoltura, della DG Protezione civile, dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'Emilia-Romagna, dei Dipartimenti Veterinari delle Ats, della Polizia provinciale e dei Carabinieri forestali.

Abbiamo più volte evidenziato a livello nazionale e territoriale il rischio della diffusione della Peste Suina Africana (Psa) attraverso i cinghiali - continua Coldiretti Brescia  - e la necessità della loro riduzione sia numerica che spaziale attraverso le attività venatorie, le azioni di controllo della legge 157/92 articolo 19 e le azioni programmabili nella rete delle aree protette. La Peste Suina Africana che – precisa Coldiretti  – può colpire cinghiali e maiali ed è altamente contagiosa e spesso letale per questi animali, non è invece trasmissibile agli esseri umani. Un possibile veicolo di contagio possono essere proprio i cinghiali provocano danni ingenti agli agricoltori. La nostra provincia – continua Coldiretti Brescia – è la prima a livello nazionale per numero di maiali allevati: sono infatti oltre 1 milione e 300  mila i  capi presenti nelle aziende bresciane, pari al 14% del totale nazionale”.

Le parole del vice presidente

“Serve subito un’azione sinergica su più fronti per tutelare e difendere gli allevamenti dalla grave minaccia della peste suina africana che rischia di causare un gravissimo danno economico alle imprese – interviene Claudio Cestana vicepresidente Coldiretti Brescia e coordinatore della consulta suinicola provinciale - servono interventi immediati per fermare il proliferare dei cinghiali e garantire la sicurezza degli allevamenti ma occorre anche monitorare attentamente la situazione per evitare strumentalizzazioni e speculazioni a danno del settore”.

Coldiretti ha inoltre evidenziato la necessità di dare il via ad iniziative comuni anche a livello europeo perché è dalla fragilità dei confini naturali del Paese che dipende l’elevato rischio di un afflusso non controllato di esemplare portatori di peste.

Necrologie