Attualità
la messa

Pienone in Santa Maria Assunta a Palazzolo per il benvenuto a don Lorenzo Medeghini

La comunità ha accolto anche don Luca Galvani, ordinato diacono a settembre, che darà una mano specialmente con i giovani.

Pienone in Santa Maria Assunta a Palazzolo per il benvenuto a don Lorenzo Medeghini
Attualità 03 Ottobre 2021 ore 11:06

Dopo aver salutato le parrocchie di Timoline e Nigoline a Corte Franca, don Lorenzo Medeghini ha fatto il suo ingresso come vicario parrocchiale dell'erigenda unità pastorale delle parrocchie di Santa Maria Assunta, San Rocco, Sacro cuore e San Giuseppe di Palazzolo, guidate dal parroco don Paolo Salvadori, e nuovo vicario parrocchiale di San Pancrazio.

Pienone in Santa Maria Assunta per il benvenuto a don Lorenzo Medeghini

Alla Messa celebrata questa mattina in Santa Maria Assunta c'era il pienone (nel rispetto delle normative anti Covid, ovviamente). Tanti  i bambini e le famiglie, ansiose di conoscere il nuovo curato. Domenica 17 ottobre, invece, don Lorenzo farà il suo ingresso anche a San Pancrazio, dove dimorerà. Anche la frazione di Palazzolo, rimasta senza parroco da poco, rientrerà nel grande piano dell'erigenda unità pastorale dei tanti campanili della cittadina sulle rive dell'Oglio.

"A te don Lorenzo, che entri a far parte di questo circo dei preti, girerai anche tu come noi in tutte le cinque comunità, doniamo un camice", ha evidenziato il parroco durante la Messa, con un piccolo dono di benvenuto per il nuovo curato. Presente alla celebrazione anche don Luca Galvani, giovane seminarista nativo di Gavardo ordinato diacono a settembre, che sarà a Palazzolo dal venerdì al lunedì per dare una mano specialmente con i ragazzi e i giovani dell'oratorio.

"Come quattro comunità sorelle accogliamo e diamo il benvenuto a don Lorenzo - ha esordito don Paolo all'inizio della celebrazione - Un benvenuto particolare da noi preti. Insieme siamo chiamati a servire questo territorio. A te, don Lorenzo, che risiederai a San Pancrazio, il compito di farci da apripista in quella comunità che, quando sarà il momento, si unirà al nostro camminare insieme. Grazie per la tua obbedienza: sappiamo che ti è costata. Faremo di tutto perché tu possa sentirti a casa e avere conferma che il Signore non delude mai, anche quando sembra chiedere troppo".

 

 

Necrologie