Attualità
riserva naturale

Per la biodiversità delle Torbiere un progetto da 385mila euro

E’ stato finanziato nell’ambito del bando sul Bioclima del Pirellone e grazie a un contributo privato

Per la biodiversità delle Torbiere un progetto da 385mila euro
Attualità Sebino e Franciacorta, 23 Novembre 2022 ore 12:13

Conservare la biodiversità della Riserva naturale delle Torbiere e preservarne gli habitat umidi. Sono gli obiettivi del progetto da 385mila euro finanziato nell’ambito del bando Bioclima tramite fondi regionali e privati.

Per la biodiversità delle Torbiere un progetto da 385mila euro

L’Ente gestore punta ad attivare azioni per la rigenerazione ecologica della Riserva tramite interventi mirati alla forestazione e non solo. Della somma prevista 270 mila euro sono stati messi sul piatto dal Pirellone, 80mila da un privato, mentre la Riserva metterà 35mila euro.

"Il bando è nato dal progetto Life Gestire 2020, era rivolto agli enti gestori di foreste e aree protette e prevedeva la candidatura di progetti finanziati al 70% da Regione Lombardia e al 30% da fonti private – ha spiegato il presidente dell’Ente gestore, Giambattista Bosio - Sarà mirato a ripristinare e migliorare gli habitat forestali per una superficie di 1,87 ettari e di delicatissimi habitat umidi per 0,2157 ettari".

L’intervento servirà a ottenere il miglioramento forestale sostituendo specie alloctone con specie autoctone a favore di anfibi e avifauna acquatica. Saranno inseriti in riserva ben 4.540 alberi e arbusti, specialmente nei tratti lungo la provinciale, per creare una cortina di mitigazione dal rumore dei veicoli in transito.

Saranno riqualificate anche le aree umide utilizzate per lo svernamento e la riproduzione dall’avifauna acquatica e da anfibi e rettili. Nel dettaglio, verranno scavati dei fossi per ricreare l’habitat palustre.

"Attiveremo anche dei progetti di educazione ambientale, al fine di favorire la conoscenza della Riserva e aumentare la consapevolezza riguardo alle cause e alle conseguenze derivati dai cambiamenti climatici e far comprendere l’importante funzione mitigatrice della natura", ha spiegato il direttore, Nicola Della Torre.

Le zone umide sono in continua rarefazione e la loro tutela è fondamentale per continuare a garantire i servizi ecosistemici sia al territorio che alle comunità in cui sono inserite. La Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino è l’area umida più estesa della provincia di Brescia, al suo interno sono presenti rari habitat e preziose nicchie ecologiche. Questi luoghi ospitano la fauna caratteristica delle zone umide come uccelli e anfibi.

In particolare, la Riserva è l’unico sito di nidificazione provinciale di specie come l’airone rosso, il falco di palude, la canapiglia e la salciaiola, specie in declino e a rischio di estinzione. L’area è tutelata dalle più importanti normative di conservazione ambientale, come la convenzione internazionale di Ramsar e la rete europea Natura2000.

"Investire nella Riserva significa aumentare la disponibilità di stoccaggio di Co2 da fonti naturali, tutelare e conservare la biodiversità con interventi mirati e sostenere l’educazione ambientale per rendere resilienti le generazioni future ai cambiamenti climatici - ha concluso il presidente dell’ Ente gestore - La governance della Riserva è costituita da un ambiente giovane e dinamico, credere nel progetto significa aumentare le possibilità di sviluppo sinergico del territorio al fine di creare quello che riteniamo sia davvero una Riserva Naturale al servizio della comunità".

Seguici sui nostri canali
Necrologie