Attualità
Coldiretti Brescia

Pac e Psr, Massimo Albano: stesse regole per il 2022, preoccupazione per la nuova Pac dal 2023

Focus sulle dinamiche future per lo sviluppo delle aziende.

Pac e Psr, Massimo Albano: stesse regole per il 2022, preoccupazione per la nuova Pac dal 2023
Attualità Brescia, 27 Gennaio 2022 ore 17:06

Il secondo appuntamento in calendario, moderato dal direttore Massimo Albano, ha affrontato il tema della PAC e del PSR:

“Continuano gli incontri a distanza, oggi  (giovedì 27 gennaio) il tema si sposta sulle dinamiche future per lo sviluppo delle nostre aziende, con particolare attenzione e un po’ di preoccupazione per la PAC a partire dal 2023".

Un anno transitorio

Primo intervento della mattinata a cura di Mauro Belloli:

“L’anno in corso per i pagamenti diretti è un anno transitorio, l’ultimo della vecchia programmazione: nessuna novità, vecchie regole e nuove risorse. L’attenzione è invece massima per quello che si annuncia l’anno prossimo, con l’entrata in vigore della Politica Agricola Comunitaria 2023/2027”.

L’Italia – precisa Coldiretti Brescia - ha presentato nei tempi previsti (31 dicembre 2021) il Piano Strategico Nazionale, che dovrà essere approvato entro sei mesi dalla Commissione Europea. Al netto di piccole modifiche, si profila una nuova PAC con molte novità. Non sarà la PAC che sognano gli agricoltori, ma per Coldiretti il risultato è il miglior compromesso possibile, rispetto alle spinte ormai sedimentate da anni nel contesto europeo. Si è evitato l’azzeramento dei titoli, con una convergenza progressiva e spostata il più possibile al 2026.

Focus anche sui giovani:

“Avranno più risorse – precisa Belloli -  e, rispetto alle premesse del Ministero, sono stati semplificati gli eco-schemi:  tre le aree di azione, zootecnia sostenibile, biodiversità e paesaggio olivicolo”.

Risorse importanti

Seconda parte dedicata all’intervento affidata a Simone Frusca responsabile area tecnica di Coldiretti Brescia:

“Sono state stanziate risorse significative per il periodo di transizione prima dell’entrata in vigore della nuova PAC, che guardano allo sviluppo delle imprese agricole con particolare attenzione ai giovani,  alle misure ambientali e alle filiere corte, senza dimenticare la formazione, l’acquisizione di competenze e ovviamente i fondi destinati all’incremento della redditività aziendale, con il miglioramento e ampliamento delle strutture aziendali”.

Si parla  di cifre importanti – precisa Coldiretti Brescia – oltre 400 milioni di euro rese disponibili da Regione Lombardia per il periodo transitorio 2021 e 2022, oltre a quanto già stanziato nel periodo 2014/2020 pari a circa un miliardo e mezzo di euro.

Le novità

In tema di modifiche del PSR numerose le novità:

“Sono state riproposte quattro misure fondamentali – aggiunge Frusca -  la misura 4.1.01 finalizzata agli investi strutturali, la possibilità di presentare nuove domande agro ambientali a superficie, la misura che finanzia in maniera importante la copertura delle vasche di stoccaggio dei reflui per un miglioramento della qualità dell’aria e la misura che sostiene gli interventi sulle strutture agrituristiche a cui si sono aggiunti interventi legati alle dotazioni elettroniche e per la sanificazione degli ambienti.”

Anche le imprese agricole nascenti condotte da giovani agricoltori e tutto quanto concerne i GAL presenti nei vari territori hanno dei fondi destinati  oltre alle misure di filiera che mirano alla cooperazione e capacità di far rete delle aziende e degli enti di ricerca per raggiungere il consumatore finale e migliorare i processi produttivi e ambientali che coinvolgono il settore agricolo. Attenzione anche ai fondi OCM – conclude Coldiretti Brescia – riproposti anche per quest’anno  e dedicati principalmente al settore del vino: misura investimenti, misura promozione paesi terzi e misura di impianto e reimpianto delle superfici a vigneto per il loro miglioramento produttivo.

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie