Menu
Cerca
la telefonata

Manerbio, il Quirinale chiama Stefano Pietta

Il 37enne aveva chiesto alla Prefettura di incontrare il Presidente Mattarella durante la visita a Brescia. Non si potrà fare, ma non manca lo stesso la soddisfazione.

Manerbio, il Quirinale chiama Stefano Pietta
Attualità Bassa, 14 Maggio 2021 ore 11:29

Avrebbe voluto incontrare il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante visita in programma per martedì 18 maggio. Un'occasione, anche solo pochi minuti, per confrontarsi, per far presente le criticità della vita ai tempi della pandemia e, come Stefano Pietta ha sempre fatto con tutti: parlare con la più alta carica dello stato del tema della disabilità. L'incontro non ci sarà, purtroppo: ma a comunicarlo al manerbiese è stato proprio il Quirinale, questa mattina, con una telefonata.

La richiesta

Trentasette anni, affetto da tetraparesi spastica, dal 2013 Stefano è la voce dietro al microfono di SteradiodJ, la web radio creata dal manerbiese per parlare di musica, attualità e di disabilità, un tema a lui molto caro su cui sensibilizza ogni giorno. Un argomento su cui di è discusso molto anche durante la pandemia e la campagna vaccinale, alla luce della necessità di proteggere ancora di più le persone fragili.

Appena ha saputo della visita del presidente della Repubblica non ha perso tempo. "Ho scritto al prefetto Attilio Visconti chiedendogli se era possibile organizzare un incontro, ma non ho ricevuto risposta - ha raccontato il manerbiese - Ho atteso con speranza, quando oggi ho ricevuto una chiamata proprio dagli uffici della Presidenza della Repubblica".

Il Quirinale chiama Stefano Pietta

"Mi hanno detto la Prefettura aveva inoltrato la richiesta solo stamattina e che purtroppo non sarà possibile organizzare l'incontro perché il programma della giornata è già stato definito - ha continuato il 37enne, soddisfatto anche solo per l'interessamento - Sono stato comunque molto contento della chiamata, già questo mi ha riempito di emozioni perché essere chiamati dal Quirinale non è da poco".

Necrologie