Attualità
Ance Brescia

L'edilizia bresciana in crescita: contribuisce per oltre il 30% alla crescita del sistema produttivo locale

Nel 2021, in provincia, si registrano oltre 18mila imprese edili, aumentano le forme organizzative più strutturate e il comparto diventa più attrattivo per i giovani.

L'edilizia bresciana in crescita: contribuisce per oltre il 30% alla crescita del sistema produttivo locale
Attualità Brescia, 15 Luglio 2022 ore 08:54

I dati dell’analisi economico-finanziaria delle imprese edili bresciane, studio elaborato  da Ance Brescia, insieme alla Camera di commercio e all’Ordine dei Dottori commercialisti, nel quinquennio di riferimento che va dal 2016 al 2020, confermano l’andamento positivo del comparto delle costruzioni, che si attesta quale settore primario per la crescita economica locale.

Ha contribuito alla crescita del settore per oltre il 33%

Nonostante il pesante contraccolpo della pandemia, l’edilizia ha determinato nel 2021 il 33% della crescita dell’intero sistema produttivo bresciano, dando un contributo significativo alla ripresa dell’iniziativa imprenditoriale. L’effetto traino che caratterizza il settore delle costruzioni ha dato, inoltre, impulso alla nascita di attività strettamente correlate a esso. L’input di sviluppo post pandemia, anticipato già in occasione della presentazione dello studio dello scorso anno, si rafforza nell’ultimo biennio grazie anche alle misure di rilancio dell’economia adottate per contrastare la crisi. Al foto finish del 2021 risultano attive in provincia oltre 18mila imprese, con una natalità in aumento rispetto al periodo ante-Covid. La categoria che ha contribuito maggiormente alla crescita riguarda i lavori di costruzione specializzata, che si conferma il segmento più numeroso del settore del costruito bresciano, con una quota di rappresentanza del 66% rispetto al totale delle imprese edili registrate al Registro imprese della Camera di commercio. Tra il 2020 e il 2021 il comparto della costruzione di edifici sale rispettivamente del 2,1% e dell’1,5% rispetto al 2019, insieme a quello dei lavori di ingegneria civile, cresciuto del 4,8% nel 2020 e del 2,3% sul periodo pre-Covid.

In prima linea i giovani

L’edilizia ha definitivamente archiviato il momento di difficoltà affrontato, consolidando mese dopo mese i numeri della ripartenza, con ampi margini di sviluppo, grazie al coinvolgimento sempre più significativo delle nuove generazioni. In provincia, il numero delle imprese di costruzioni gestite dai giovani è cresciuto del 4,6%, pari al 7,8% dell’intero settore edile bresciano. Il rimbalzo delle attività d’impresa si riflette positivamente anche sull’occupazione con un incremento del numero degli addetti dal 2020 al 2021 del 10% e la previsione di un accrescimento della domanda di lavoro del 65,6%, con aziende pronte ad assumere oltre 11mila figure. Tuttavia, se da una parte sono aumentate le opportunità di impiego, dall’altra si evidenzia la difficoltà di reperire manodopera, in particolare specializzata. Rispetto al 2019, la differenza fra domanda e offerta è aumentata di quasi diciassette punti percentuali, a fronte dei quattro punti registrati dagli altri settori economici.

Nuove sfide

I dati consegnano una fotografia nitida di un settore in pieno sviluppo e in trasformazione, che sta affrontando con energia le nuove sfide, maturando anche sotto l’aspetto processuale e produttivo, rappresentato dal cambiamento della struttura organizzativa delle imprese. Nel 2021 le società di capitali sono incrementate del 5,8% nel confronto con l’anno precedente e del 9,2% rispetto al periodo pre-pandemico.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie