Attualità
La metropoli più green d'italia

La mobilità sostenibile a Milano

Zone a traffico limitato, bike sharing e mobilità elettrica le parole d'ordine del Comune di Milano per essere più sostenibili

La mobilità sostenibile a Milano
Attualità 25 Maggio 2022 ore 15:55

Secondo il Kantar City Mobility Index (ente che si occupa di misurare le città tenendo conto di accessibilità, opzioni di spostamento ed accessibilità economica) Milano è al sesto posto nella classifica mondiale per mobilità urbana sostenibile, al primo in Italia. Nel 2019, è stato approvato dal Consiglio Comunale di Milano il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (Pums), un documento che guida le strategie della mobilità della città metropolitana

La di Milano per i prossimi dieci anni con l'obiettivo di ridurre di quasi un terzo le emissioni di carburante organico, cambiando così la logica degli spostamenti.

Milano si prepara quindi a riorganizzare il traffico cittadino con:

  • aree in cui è vietata la circolazione di determinate categorie di veicoli
  • servizi di bike sharing
  • incremento dei mezzi pubblici a emissione zero.

A cambiare radicalmente gli spostamenti nel capoluogo lombardo è stata l’introduzione dell’elettrico. Non solo monopattini ed e-bike, ma anche auto con conseguenti colonnine di ricarica.

GUARDA IL VIDEO:

 

Alcuni dati riguardo alla mobilità milanese

Secondo l’ultimo report di Legambiente, Milano è la metropoli più green d'Italia per minor numero di auto circolanti: il 58% degli spostamenti in città avviene con i mezzi pubblici.

Anche l’Aci, automobile club italiano, fa sapere che Milano è la terza città italiana per il numero di veicoli elettrici su mille abitanti. Il goal è quello di arrivare ad una rete di trasporti che riduca al minimo l’impatto ambientale e che migliori la qualità dell’aria, massimizzando l’efficienza e la rapidità degli spostamenti.

Una metropoli con almeno il 25% di traffico in meno e con mezzi pubblici più veloci. Il comune di Milano mette a disposizione il servizio pubblico di condivisione delle biciclette (BikeMi) dell’azienda Atm, che offre un servizio station-based con quasi 5 mila biciclette, incluse quelle con pedalata assistita, diffuso su tutta la città metropolitana.

Mobilità sostenibile Milano

Per quanto riguarda i servizi sharing, dalla macchina al monopattino, sono tutti utilizzabili per brevi periodi con un corrispettivo a tempo e/o chilometrico, usufruibili grazie all'apposita app. I numeri del mondo electric sono molto promettenti: secondo l’ultima ricerca dell'Aci, le autovetture elettriche che circolano in città sono circa 2.300; Motus-E, prima associazione in Italia costituita per accelerare il cambiamento verso la mobilità elettrica, afferma che ad oggi i punti di ricarica a Milano sono 717.

L’incremento dell’utilizzo di questi mezzi è significativo. Se nel 2019 le nuove immatricolazioni delle auto elettriche erano 842, nel 2020 sono state 2.325, quasi il triplo.

L'Aci spiega che l’aumento sarà confermato anche per l'anno che è appena passato, per il quale ancora non sono stati raccolti i numeri esatti. Grazie ai numerosi progetti di mobilità sostenibile ad oggi un cittadino su 10 ha rinunciato alla propria auto per rivolgersi ai servizi di sharing.

A seguito della pandemia da Covid19 e al fine di incentivare modalità alternative al trasporto pubblico locale, l’Amministrazione comunale ha voluto intensificare la presenza di monopattini arrivando fino a 6.000 mezzi in sharing. A fare da traino alla mobilità sostenibile spiccano anche i mezzi pubblici; il 76% delle vetture per il trasporto pubblico è a trazione elettrica. Il progetto “Full Electric” di Atm, che prevede di dismettere gradualmente i veicoli alimentati a gasolio, afferma che oggi sono già in servizio 170 e-bus su 10 linee e altri 75 sono in arrivo nel 2022. L'obiettivo è rinnovare completamente l'intero parco dei 1.200 mezzi entro il 2030.

I vantaggi dell'elettrico

Sempre più di frequente si sente parlare di mobilità elettrica ma per tante persone è ancora un mondo lontano a causa del costo ancora elevato. Possiamo però affermare che sono tanti i vantaggi legati all’uso dei mezzi elettrici in Italia, sia economici sia strettamente pratici. I mezzi elettrici permettono di migliorare la qualità dell’aria, riducendo l’impatto diretto sulla salute delle persone, ma vanno a influire anche sull’inquinamento acustico, riducendo il rumore del traffico e delle marmitte con cui siamo costretti a convivere ogni giorno.

L’auto elettrica ha performance ambientali già oggi migliori di tutte le alternative disponibili, sia in termini di emissioni di CO2 che di inquinanti, essendo l’unica tecnologia che consente la totale eliminazione delle emissioni locali di ossidi di azoto (NOx) e polveri sottili (PM) durante la guida. Essa è più silenziosa, come bici e monopattini, così che il loro utilizzo consenta di migliorare notevolmente la qualità della vita.

Altri vantaggi possono essere, solo per citarne alcuni: parcheggi dedicati, possibilità di sosta gratuita nei parcheggi con strisce blu, l’accesso gratuito alle zone a traffico limitato. Sono previsti inoltre a livello nazionale degli incentivi, come ad esempio la completa esenzione dal pagamento del bollo per i cinque anni che seguono l’immatricolazione e sconti anche per quelli successivi.

Lo Stato, alcune Regioni e Province, si stanno organizzando per favorire una diffusione della green mobility ed hanno deciso di offrire un contributo a favore di coloro che sceglieranno di acquistare una vettura elettrica.

Utilizzare questi mezzi permette non solo di spostarsi in modo più rapido nella metropoli, ma anche di migliorare la qualità della vita dei cittadini. È quindi necessario incentivare la mobilità sostenibile, insistendo soprattutto sui giovani per promuovere un futuro migliore.

Matteo Bevilacqua, Federica Corbetta, Sara Dianin


Questo articolo è frutto di una collaborazione fra il nostro Circuito editoriale Netweek e gli studenti dell'Università Cattolica di Brescia. Insieme ai ragazzi abbiamo approfondito il tema del GREEN a 360 gradi, raccontando 11 storie d'eccellenza made in Lombardia che hanno a che fare con la sostenibilità, il risparmio energetico, la lotta agli sprechi e la difesa dell'Ambiente.

ECCOLI TUTTI GLI ALTRI 10 ARTICOLI QUI DI SEGUITO:

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie