Attualità
Coldiretti

Inflazione, per un'azienda agricola su due bilanci in rosso

Nelle campagne lombarde un’azienda agricola su due (49%) è costretta a lavorare in perdita.

Inflazione, per un'azienda agricola su due bilanci in rosso
Attualità Brescia, 31 Marzo 2022 ore 16:39

Crescono i prezzi al dettaglio dei prodotti alimentari nel carrello, ma nelle campagne lombarde un’azienda agricola su due (49%) è costretta a lavorare in perdita, con una condizione di reddito negativo a causa dell’esplosione dei costi di produzione che superano di gran lunga quanto pagato agli agricoltori e agli allevatori per i loro prodotti.

Cosa emerge dai dati

È quanto afferma la Coldiretti Lombardia in base a un’analisi su dati Crea nel sottolineare che secondo i dati Istat a marzo si evidenzia un’accelerazione dei prezzi dei beni alimentari al consumo del +5,5% con l’inflazione che sale al +6,7%, valore che non si registrava da luglio 1991. Uno tsunami che si è abbattuto a valanga anche sulle aziende agricole bresciane con rincari per gli acquisti di concimi, imballaggi, gasolio, attrezzi e macchinari che stanno mettendo in crisi i bilanci delle aziende agricole. Nelle campagne – continua Coldiretti – si registrano aumenti dei costi che vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi, fino al +129% per il gasolio con incrementi dei costi correnti di oltre 38.800 euro in Lombardia contro i 15.700 euro rilevati in media a livello nazionale, secondo lo studio del Crea.

Maggiormente penalizzati i cereali

Ad essere più penalizzati con i maggiori incrementi percentuali di costi correnti – continua  Coldiretti – sono le coltivazioni di cereali a partire dal mais a causa dell’esplosione della spesa di gasolio, concimi e sementi e l’incertezza sui prezzi di vendita con le quotazioni in balia delle speculazioni di mercato. In difficoltà serre e vivai per la produzione di piante, fiori, ma anche verdura e ortaggi seguiti dalle stalle da latte. Bisogna intervenire per contenere il caro energia ed i costi di produzione con interventi immediati per salvare aziende e stalle – afferma Coldiretti Brescia – oltre a misure strutturali per programmare il futuro.

“Occorre lavorare da subito per accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi – commenta Valter Giacomelli presidente di Coldiretti Brescia – e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali e alle speculazioni”.

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie