Attualità
Confagricoltura Brescia

In crescita il prezzo del latte, in crisi le stalle bresciane

Barbieri: "L’impressione è che i prezzi rimarranno alti ancora per un bel po’, il valore del latte dovrà salire ancora”.

In crescita il prezzo del latte, in crisi le stalle bresciane
Attualità Brescia, 21 Aprile 2022 ore 17:15

Sale il prezzo del latte, che ha sfondato i 48 centesimi, ma non la redditività delle stalle bresciane, strozzate dall’esplosione dei costi di produzione

Una situazione critica

Il vicepresidente di Confagricoltura Brescia Luigi Barbieri:

“L’aumento del prezzo del latte degli ultimi mesi non è riuscito a coprire i costi di produzione. La situazione, per noi agricoltori, è molto delicata”.

Si teme per una contrazione del prodotto. Il prezzo del latte è in continuo aumento: oggi i più grossi operatori del mercato, tra cui in primis Granarolo, stanno offrendo agli allevatori 48 centesimi. E le previsioni sono di una corsa all’insù che non si arresterà nel giro di breve, puntando a sfondare presto i 50 centesimi e proseguendo oltre, verso quota 60. La tensione, nei mesi scorsi, è stata palpabile, con i player industriali che si sono via via adeguati su questi valori (anche la Galbani, che ha opposto più resistenze, a giugno pagherà 48,1 centesimi). Se oggi i prezzi del latte sono alti, così come quelli della polvere e del burro, per le stalle bresciane, che nelle seconda parte dello scorso anno si erano battute per ottenere un significativo aumento, non si tratta di una notizia del tutto positiva. Perché dalla fine del 2021 sono esplosi tutti i costi di produzione, che hanno di fatto azzerato i margini delle imprese.

I prezzi rimarranno alti ancora per qualche tempo

La situazione è risaputa: le materie prime sono alle stelle, compresi mais e soia, e poi l’energia elettrica, il carburante, gli imballaggi e i ricambi, le manutenzioni, i componenti, i detersivi e i fertilizzati, i noleggi e, da ultimo, anche le uscite dei veterinari.

“Insomma - commenta Luigi Barbieri, vicepresidente di Confagricoltura Brescia e allevatore di Seniga - tutto quanto gira intorno all’azienda agricola è almeno raddoppiato. Per questo l’aumento del prezzo del latte degli ultimi mesi non è riuscito a coprire i costi di produzione. La situazione, per noi agricoltori, è davvero delicata ed è continuamente in divenire, va tenuta monitorata. L’impressione è che i prezzi rimarranno alti ancora per un bel po’, il valore del latte dovrà salire ancora”.

I timori degli operatori, oggi, sono per una possibile contrazione del prodotto, ovvero che il latte possa iniziare a scarseggiare. A livello europeo, infatti, tra Francia, Germania e Olanda, il trend di diminuzione è consolidato e da diversi mesi si produce meno latte. Mentre in Italia, dove c’è stata una crescita sostenuta sino a poche settimane fa, si sta assistendo a frenata della spinta produttiva, che potrebbe diventare duratura. Anche in questo caso le motivazioni vanno ricercate nell’aumento dei costi di produzione.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie