Menu
Cerca
BRESCIA

Il presidente Alghisi ringrazia Mattarella per la visita a Brescia

«E’ certamente un piacere e un onore ricevere la visita del Presidente Mattarella» ha scritto il presidente della Provincia di Brescia Samuele Alghisi

Il presidente Alghisi ringrazia Mattarella per la visita a Brescia
Attualità Brescia, 18 Maggio 2021 ore 14:05

Il presidente Alghisi ringrazia Mattarella per la visita a Brescia.

«E’ certamente un piacere e un onore ricevere la visita del Presidente Mattarella - ha scritto il presidente della Provincia di Brescia Samuele Alghisi -, un segnale importante, di vicinanza dello Stato, soprattutto per un territorio che è stato duramente colpito da questa pandemia, ma che, nello spirito che contraddistingue i bresciani, ha lottato con caparbietà per rialzarsi e per reagire alla profonda crisi sanitaria, economica e sociale non ancora conclusa. Sarà l’occasione per mostrare non solo l'alto livello della formazione superiore e universitaria, il valore culturale e imprenditoriale della nostra Provincia, ma anche l'alto grado di sinergia delle Istituzioni tutte che per noi significa organizzazione. Fin da subito i comuni e la Protezione Civile hanno lavorato con le Istituzioni sanitarie, la Prefettura e le forze dell'ordine per la gestione dell’emergenza, la distribuzione dei DPI e dell’ossigeno e tutta l’assistenza necessaria per supportare la popolazione nei primi drammatici mesi ai quali ci ha condannato il coronavirus. Oggi si lavora per la distribuzione e somministrazione dei vaccini. Per fare un esempio lascerò che siano i numeri a parlare: nel maggio 2020, quindi dopo nemmeno due mesi dallo scoppio della pandemia, la Protezione Civile Provinciale aveva già distribuito circa 2 milioni di mascherine chirurgiche con un lavoro dei volontari che ammontava a 20mila ore. Ora si da supporto con cinquemila giorni-mese di volontariato per la gestione degli hub vaccinali. Per questo colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che, in ogni Comune, in ogni angolo del territorio, non hanno fatto mancare la loro presenza e il loro prezioso aiuto. Anche i Sindaci sono andati oltre i ruoli per i quali erano stati chiamati, lavorando a ogni ora del giorno e della notte per rispondere alle esigenze della collettività ed è per questo che faccio un appello al Capo dello Stato: che le Istituzioni più vicine ai cittadini, i Comuni, possano ora far fronte alle necessità dei territori applicando forme di semplificate di governo e gestione, in modo da poter rispondere tempestivamente e concretamente alle esigenze sociali, dall’assistenza alle di welfare, nell’interesse delle famiglie, delle fasce più deboli e delle attività produttive. Torniamo a dare fiducia a chi nelle Istituzioni locali deve lavorare affinché le politiche di sostegno siano più facilmente messe in atto nella direzione di dare un forte impulso alla ripresa economica e sociale. Nel contempo è necessario, e faccio quindi un altro appello al Presidente Mattarella, che le Province escano dal limbo nella quale la Legge Delrio, poi superata, le ha costrette dal 2014. Abbiamo bisogno di risorse stabili per programmare le nostre attività, come la sicurezza di strade e di scuole. Per investire a supporto dei territori, in favore della ripresa delle attività manifatturiere, del turismo, delle infrastrutture e, non meno importante, della cultura e della Formazione.

Grazie al Presidente Mattarella per la sua visita, grazie per la sua vicinanza al popolo italiano grazie perché la nostra Provincia, con i suoi 205 comuni, ha bisogno di sentire, in questo difficile periodo, la vicinanza dello Stato. Avere con noi il Capo dello Stato il 18 maggio è certamente motivo di orgoglio e lancia un messaggio di speranza, nel futuro, nella ripresa, nella ripartenza, di Brescia e dell’Italia intera».

Necrologie